Impone alla moglie di prostituirsi, lei non accetta e lui la picchia, arrestato

Impone alla moglie di prostituirsi, lei non accetta e lui la picchia, arrestato

Impone alla moglie di prostituirsi, lei non accetta e lui la picchia, arrestato

Impone alla moglie di prostituirsi – Un nigeriano di 45 anni, residente ad Attigliano, è stato arrestato per il reato di maltrattamenti in famiglia dai Carabinieri di Giove. L’uomo è accusato di aver picchiato la moglie di 41 anni, anche lei originaria della Nigeria. I fatti risalgono al novembre scorso quando la donna ha richiesto l’aiuto ai carabinieri della compagna di Amelia.

Malmenata dal marito perché si era rifiutata di prostituirsi

Sul posto si è recata una “gazzella” dei militari di Giove insieme al personale del 118. La donna, che in prima battuta ha rifiutato l’aiuto dei sanitari, ha poi però confidato al personale dell’Arma di essere stata malmenata dal marito perché si era rifiutata di prostituirsi così come gli era stato imposto dal marito.

Per altro la poveretta denunciò in quella occasione anche altri maltrattamenti subiti nel corso del tempo. Un paio di settimane dopo, il Gip del Tribunale di Terni ha emesso a carico dell’uomo un’ordinanza per l’applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, con contestuale divieto di avvicinamento alla persona offesa.

La misura veniva prontamente notificata al nigeriano da parte dei Carabinieri di Giove che provvedevano al suo allontanamento dall’abitazione.

L’uomo, però, noncurante di quanto imposto dal Giudice, ha violato ripetutamente la misura assillando telefonicamente la donna e cercando di avvicinarla più volte quando lei si recava a lavoro per chiederle soldi e per essere riaccolto in casa, fino a quando, qualche giorno, fa la l’ha spintonata violentemente colpendola sulle spalle.

Visto il comportamento trasgressivo e inaffidabile dell’africano, il Giudice ha disposto l’aggravamento della misura cautelare in atto con quella della custodia in carcere.

L’uomo è stato quindi condotto nel carcere di Vocabolo Sabbione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*