Fontivegge e Madonna Alta passate al setaccio dalla Polizia

Volanti ed equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria

Fontivegge e Madonna Alta passate al setaccio dalla Polizia

Fontivegge e Madonna Alta passate al setaccio dalla Polizia

Fontivegge e Madonna Alta – Gli operatori della Polizia di Stato di Perugia hanno effettuato dei controlli serrati in tutta l’area della stazione di Fontivegge e in località Madonna Alta, con una funzione di deterrenza verso episodi di microcriminalità e degrado urbano nonché di prevenzione dei reati predatori, dei furti e dello spaccio di stupefacenti.

Il monitoraggio ha visto l’impiego delle Volanti e degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria – Marche che hanno battuto a tappeto, anche con pattugliamenti appiedati, diverse zone, tra cui via Campo di Marte, via Canali, via del Macello, l’Ottagono, Madonna Alta e Pian di Massiano. Nell’ambito del controllo sono state identificate 144 persone.

Sono stati effettuati anche dei controlli finalizzati a prevenire e reprimere il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Mentre gli equipaggi del Reparto percorrevano via Campo di Marte, hanno notato un uomo sospetto che, raggiunto dagli agenti, è stato identificato come un cittadino tunisino, classe 1998, gravato da precedenti per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Per questi motivi, il 25enne è stato sottoposto a controllo con esito positivo. Infatti, in seguito alle domande incalzanti degli operatori, il giovane ha consegnato spontaneamente un pacchetto di sigarette contenente un involucro di sostanza stupefacente del tipo “hashish”.

Dopo aver sequestrato la droga, i poliziotti hanno contestato al giovane la sanzione amministrativa prevista dall’articolo 75 del D.P.R. 309/90 per detenzione di sostanza stupefacente.

Durante l’attività, gli agenti hanno anche effettuato 7 posti di controllo, monitorando 93 veicoli in transito nelle zone d’interesse, al fine di verificare l’eventuale presenza a bordo di persone sospette o dedite al compimento di illeciti.

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*