Criminalità a Terni, serrata della Polizia di Stato, arresto, denunce ed espulsioni [Foto]

Criminalità a Terni, serrata della Polizia di Stato, arresto, denunce ed espulsioni

Criminalità a Terni, serrata della Polizia di Stato, arresto, denunce ed espulsioni Contrasto al crimine diffuso da parte della Polizia di Stato La serrata attività ha portato a 4 allontanamenti, 2 denunce ed 1 arresto. Controlli a tutto campo da parte della Polizia di Stato, attuati attraverso servizi capillari sul territorio, con pattuglie della Squadra Volante e personale in borghese della Squadra Mobile, per garantire un contrasto efficace al crimine diffuso e in particolare allo spaccio di sostanze stupefacenti, all’immigrazione irregolare e agli odiosi reati predatori. Servizi intensificati, disposti dal Questore Antonino Messineo, che tra mercoledì sera e giovedì mattina, hanno portato all’allontanamento di quattro persone, alla denuncia di due e all’arresto di uno spacciatore.

Quattro i divieti di ritorno per altrettanti cittadini bulgari, tre donne e un uomo, fermati dalla Volante in un parcheggio di Borgo Bovio. I quattro erano all’interno un’auto con targa francese e non sono stati in grado di fornire spiegazioni in merito alla loro presenza a Terni.

Un rapido controllo al terminale da parte degli agenti ed è emerso che tutti loro, con un età compresa tra i 20 e i 48 anni, erano gravati da precedenti penali per reati contro il patrimonio e tutti insieme erano stati arrestati a Roma il 9 ottobre scorso, per furto aggravato in concorso su un autobus in Via Veneto. Senza fissa dimora in Italia, sono stati allontanati da Terni con il provvedimento della durata di tre anni, misura che si va ad aggiungere a quella identica emessa da Roma. Sono due egiziani i ragazzi denunciati dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, dopo che sono stati fermati dalla Squadra Volante in Piazza Solferino.

Leggi anche – Terni, fine settimana di controlli del territorio, 150 le persone identificate

La Polizia di Stato era stata allertata da un residente che aveva notato un andirivieni sospetto intorno ai due, infatti al controllo, uno di loro, di 18 anni, è stato trovato con 22 grammi di marijuana e varie banconote, mentre l’altro, ventenne, è risultato inottemperante ad un ordine di espulsione. Il primo è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio e il ventenne per non aver lasciato il Territorio Nazionale. L’arresto riguarda un giovane rumeno residente a Terni.

Nei giorni scorsi, erano arrivate alla Polizia di Stato alcune segnalazioni da parte dei residenti in zona Gabelletta che avevano notato situazioni riconducibili allo spaccio. Il tempo di organizzare un’attività di osservazione e di monitoraggio e la risposta della Squadra Mobile non si è fatta attendere: mercoledì sera alle 22.00, dopo un lungo servizio di appostamento, gli agenti della Sezione Antidroga hanno arrestato un rumeno che giovedì mattina è comparso davanti al giudice del Tribunale di Terni che ha disposto per lui la custodia cautelare in carcere.

l ragazzo è stato fermato all’uscita di un palazzo, da dove, per tutto il pomeriggio, erano entrate e uscite numerose persone, tra cui dei professionisti ternani, alcuni dei quali noti in città, che sono stati fermati ed identificati, dando spiegazioni poco plausibili sulla loro presenza in quello stabile. Alle 22.00, il ragazzo è uscito di casa e mentre stava salendo in auto, è stato fermato. Ha detto di abitare in un’altra zona, ma indosso gli sono stati trovati 750 euro e in casa, la stessa da dove era uscito, 29 dosi di cocaina, nascoste in cucina in due barattoli di riso, per un totale di circa 100 grammi, oltre ad un bilancino di precisione e tutto il materiale per il confezionamento. Trent’anni, disoccupato, incensurato, il giovane è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio. (Polizia di Stato)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*