Covid, Italia divisa in tre aree, gialla arancione e rossa, versione definitiva 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid, Italia divisa in tre aree, gialla arancione e rossa, versione definitiva

Covid, Italia divisa in tre aree, gialla arancione e rossa, versione definitiva

“Tutte le nuove misure previste dall’ultimo Dpcm – quelle riservate alle aree gialle, arancioni e rosse – saranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre”. E’ quanto spiega Palazzo Chigi sottolineando che “lo ha deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività”.

“Il virus sta circolando in tutta Europa, in modo forte anche violento. L’indice Rt è aumentato fino a 1,7, si tratta di una media nazionale in alcune regioni è più alto. E’ vero, sale il numero degli asintomatici, diminuisce il numero” dei pazienti “in terapia intensiva, ma è vero che il numeri complessivi sono in costante aumento e comportano un’alta probabilità che molte regioni superino le soglie critiche delle terapie intensive già nelle prossime settimane” e vadano “in difficoltà. Dobbiamo necessariamente intervenire per rallentare la corsa del virus”. Così il premier Giuseppe Conte, illustrando in conferenza stampa l’ultimo Dpcm.

Non ci saranno aree verdi.

Nell’area gialla, con criticità moderata, rientrano Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, provincia di Trento e Bolzano, Sardegna Toscana, Umbria e Veneto. In aree gialle scuola a distanza per superiori, sarà vietato circolare dalle 22 alle 5.

Nell’area arancione, con criticità medio alta, ci sono Puglia e Sicilia.  

Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle D’Aosta rientrano nell’area rossa. In area rossa negozi chiusi, tranne alimentari e prima necessità, aperti parrucchieri, barbieri e lavanderie, didattica a distanza anche per seconda e terza media.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*