Chat bomba di Whatsapp crea scompiglio tra le rsu dell’ospedale di Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Chat bomba di Whatsapp crea scompiglio tra le rsu dell’ospedale di Terni

Chat bomba di Whatsapp crea scompiglio tra le rsu dell’ospedale di Terni

Una chat bomba di Whatsapp ha creato scompiglio tra le rsu dell’ospedale Santa Maria di Terni. Dialoghi privati tra la coordinatrice della Cgil e un altro delegato, sono finiti, per sbaglio, nella chat di tutta la rsu aziendale. Un terremoto mediatico che ha già avuto la prima conseguenza. La coordinatrice in questione è stata sfiduciata che al momento è comunque sostenuta dal sindacato di riferimento.

Ma cosa c’era in quella chat? Da quanto appreso non si tratterebbe di qualche messaggio, ma di circa venti pagine di colloqui, insomma la cronologia di una chat, con dialoghi risalenti anche a due anni prima.

Nella chat ci sarebbero anche delle pagine con espressioni ‘sessiste’ nei confronti di due delegate. Ma in quei dialoghi privati ci sarebbe un po’ di tutto. Anche apprezzamenti per nulla benevoli verso qualche collega, riferimenti ad assunzioni e questioni interne, giudizi tutt’altro che positivi nei confronti di altri sindacati. Non è chiaro come sia stato commesso l’errore.

I delegati di Cisl, Uil, Fials, Fis, NursingUp, Nursind, come detto, hanno votato, venerdì, per la sfiducia alla presidente. Domani è in programma una nuova riunione per valutare il dà farsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*