Assalto nella notte al Pam di San Marco di Perugia, ma ai ladri è andata male | Video

 
Chiama o scrivi in redazione


Assalto nella notte al Pam di San Marco di Perugia, ma ai ladri è andata male

di Marcello Migliosi
Alcuni sconosciuti, alle 2,30 della notte appena passata, hanno assaltato il supermercato Pam di San Marco a Perugia, ma il loro piano è fallito. Il sistema antifurto ha funzionato e grazie al sistema nebbiogeno una spessa coltre di “nebbia“ ha invaso il locale commerciale e sono stati messi in fuga.

I ladri sono riusciti a entrare nel supermercato, forzando una porta laterale, quella di emergenza, per poi penetrare all’interno. Lo scopo era quello di prendere le chiavi, all’interno di una cassetta di sicurezza, che poi sarebbero servite per aprire la cassaforte principale del grande centro commerciale di San Marco. Dalla dinamica del colpo sembra fossero molto bene informati, visto che hanno subito cercato la chiave della cassaforte.

Armati di mazze da muratore, hanno iniziato a tirare colpi contro la cassetta di sicurezza – come si vede nelle foto scattate da Lorenzo Brunetti della Vigilanza umbra Mondialpol -. Il piccolo contenitore è stato forzato e a quel punto, però, è scattato il sistema nebbiogeno interno all’esercizio commerciale- che ha fatto arrivare sul posto, appunto, la Vigilanza umbra Mondialpol e due pattuglie della squadra Volante della questura di Perugia.

I ladri sono, quindi, riusciti a forzare con la mazza il contenitore delle chiavi, ma non sono riusciti – grazie ai sistemi di allarme e difesa e all’arrivo della vigilanza e della polizia – a portare a termine il colpo. La banda è riuscita a fuggire lasciandosi dietro un’ingente quantità di danni. La polizia di Stato e gli addetti della vigilanza privata hanno eseguito tutti i rilievi del caso, anche quelli di polizia scientifica alla ricerca di possibili indizi utili a identificare i malviventi.

Solo danni alla struttura, quindi, per via dell’apertura porta forzata e dell’assalto al contenitore delle chiavi. Oltre alle immagini delle telecamere di sorveglianza, gli investigatori puntano anche a raccogliere eventuali testimonianze riguardo a persone sospette notate in zona nei giorni scorsi. Dei malviventi nessuna traccia.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*