Thomas De Luca (M5S), in Umbria caos tamponi nei vari drive through

Per il consigliere pentastellato "Una vergogna che non vengano rispettate le corsie preferenziali per soggetti a rischio"

Numero contagi, Pd Terni, in questi giorni è molto preoccupante

Thomas De Luca (M5S), in Umbria caos tamponi nei vari drive through

Per il consigliere pentastellato “Una vergogna che non vengano rispettate le corsie preferenziali per soggetti a rischio”

“Ore in fila senza assistenza e senza nemmeno poter andare al bagno. Donne, bambini, anziani sono costretti da giorni, ma oggi in maniera particolare, a subire in modo inaccettabile la totale mancanza di organizzazione, sia regionale che comunale, nei vari drive through dell’Umbria”.

E’ quanto afferma una nota del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca


E’ semplicemente vergognoso che non venga dato seguito alla delibera n.84 del 3 dicembre 2020 che fu votata all’unanimità dall’assemblea regionale per l’attivazione di corsie preferenziali per bambini fino a 6 anni, disabili, anziani, donne in stato di gravidanza e pazienti oncologici e immunodepressi. Un atto votato, ripeto, all’unanimità dall’assemblea regionale e che fu addirittura proposto da Fratelli d’Italia“.

Caos a Terni per i tamponi drive through, vari i disagi per cittadini e automobilisti

“Probabilmente – continua De Luca – per essere attuato avrebbe dovuto proporlo la Lega, in una faida politica tutta interna al centrodestra che stanno pagando i cittadini più deboli. Un atto che avevamo sollecitato settimane prima con una nostra interrogazione in cui chiedevamo di dare priorità e protezione alle persone vulnerabili. Nel leggere il testo di quella delibera, votata all’unanimità ormai un anno fa, vengono i brividi a vedere come viene gestita oggi la postazione dei tamponi a Perugia e Terni. Un anno fa l’assemblea regionale prendeva atto che “il modello del drive through può essere realmente efficace nel produrre i risultati auspicati consentendo di interrompere tempestivamente la catena dei contagi“. E ancora che “l’alto numero di soggetti potenzialmente infetti da testare ha prodotto in questi giorni disagi alla circolazione veicolare” e infine che “i soggetti coinvolti in questo processo di gestione per arginare il contagio sono numerosi e altrettanto numerose sono le categorie dei soggetti eleggibili alla esecuzione dei vari test”.

Un anno dopo – conclude De Luca – il tracciamento è completamente saltato, di corsie preferenziali per soggetti fragili nemmeno l’ombra per non parlare dei disagi alla circolazione che rappresentano un ulteriore rischio per la sicurezza stradale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*