Perugia, intervento chirurgico da “mission (quasi) impossible”

Quando l’eccellenza fa la differenza, l’operazione eseguita dal professor Zappone nella Casa di cura Liotti di Perugia

 
Chiama o scrivi in redazione


Perugia, intervento chirurgico da “mission (quasi) impossible” PERUGIA – Aveva in bocca, vicino alle tonsille, un tumore grande come un mandarino. Che ormai le impediva di mangiare. C’è voluto un delicato intervento chirurgico, durato più di 5 ore, per rimuovere la neoplasia. E adesso, dopo il decorso postoperatorio. la paziente, che ha 55 anni, potrà tornare a vivere una vita normale.

L’asportazione per via cervico-parotidea di questa neoplasia, il “parafaringioma”, è assai complessa e solo pochi specialisti in Italia riescono con successo in tale tipo di intervento. In Umbria il primo a cimentarsi in questa chirurgia di eccellenza è stato il professor Carmelo Zappone che, insieme alla sua équipe, ha proceduto all’asportazione dell’ingombrante massa tumorale che aveva raggiunto un diametro di ben 5 centimetri.

L’intervento è stato eseguito nei giorni scorsi presso la Casa di Cura Liotti di Perugia, accreditata con il Servizio Sanitario Nazionale. “Questo tipo di neoplasia – dice il professor Zappone – si sviluppa nello spazio para-faringeo e può manifestarsi con la compressione della regione tonsillare. Si tratta di tumori rari, meno dell’1% dei tumori della testa e del collo, e rimangono a lungo asintomatici. Hanno quindi, al momento della diagnosi, dimensioni spesso notevoli come il caso in questione”. L’incidenza è di circa un caso ogni 100mila abitanti per anno, quindi in Umbria si presume ci siano circa 9 casi all’anno. Il trattamento radicale è essenzialmente chirurgico. Però il ricorso alla chirurgia in questa regione profonda, il cui contesto vascolo-nervoso è molto importante, può porre delle difficoltà tecniche nell’asportazione. Ma uno specialista del calibro di Zappone è riuscito a portare a termine brillantemente la “mission (quasi) impossibile”.

Tenuto conto del volume del tumore, prima dell’operazione è stata eseguita una valutazione con imaging comprendente sia la Tac che la risonanza magnetica. Quindi l’approcccio chirurgico vero e proprio, che ha permesso il miglior decorso intraoperatorio, postoperatorio e la salvaguardia estetica e funzionale degli organi parafaringei.

“La difficoltà di questo intervento – spiega il professor Zappone, che ha all’attivo oltre 30 casi di exeresi totale di parafaringioma – era determinato dalle notevoli dimensioni della neoplasia e dalla consistenza molto dura che ne rendeva particolarmente delicata la sua asportazione, dalla dislocazione dell’arteria carotide interna e della vena giugulare e, posteriormente, degli ultimi quattro nervi cranici, oltre alle strutture dell’orofaringe (tonsilla, palato, ecc.). Tutto è filato liscio come l’olio e il decorso post operatorio è stato privo di complicanze”. La paziente è già stata dimessa e ora potrà tornare ad alimentarsi normalmente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*