Allarme a Terni, via Rossini, due Rottweiler in fuga creano panico e uccidono un gatto

cani, scappati da una villa privata, hanno seminato il terrore tra i residenti e ucciso un gatto

Allarme a Terni, via Rossini, due Rottweiler in fuga creano panico e uccidono un gatto

Allarme a Terni, via Rossini, due Rottweiler in fuga creano panico e uccidono un gatto

Allarme a Terni – Un’ordinaria alba si è trasformata in un incubo per i residenti di Via Rossini quando due rottweiler sono fuggiti da una villa privata, seminando il terrore tra la gente. I cani, un rottweiler e un meticcio, si sono mostrati particolarmente aggressivi, arrivando fino all’area verde vicino alla scuola media Marconi.

Una donna, che si è trovata faccia a faccia con i cani, ha raccontato di aver temuto il peggio. Fortunatamente, non è stata aggredita, ma la paura è stata grande. A pochi passi da lei, una coppia piangeva la perdita del loro gatto, salvato quando era solo un cucciolo e ucciso dai cani durante la loro fuga.

La situazione è stata riportata sotto controllo dai carabinieri della sezione radiomobile di Terni e dai colleghi forestali, che sono riusciti a bloccare i cani con grande difficoltà e professionalità. I due animali, identificati grazie al microchip, erano inavvicinabili e continuavano a mostrarsi molto agitati, nonostante l’arrivo del proprietario.

I carabinieri, scrive Nicoletta Gigli su il Messaggero, hanno dovuto mettere in atto tutte le caute manovre di avvicinamento per trasmettere tranquillità ai cani e farli sentire al sicuro e protetti. Dopo averli finalmente messi al guinzaglio, i cani sono stati riaffidati al loro padrone, che sarà multato per l’omessa custodia di animali pericolosi, come previsto dall’articolo 672 del codice penale.

Sul posto è arrivato anche il personale del servizio veterinario dell’Usl Umbria 2, impegnato nelle verifiche del luogo dove i cani vivono per controllare che tutto fosse in regola. La tragedia ha lasciato un segno profondo nei proprietari del gatto, che lo avevano curato come un figlio e che ora devono fare i conti con la sua perdita.

Questo incidente ricorda un episodio simile avvenuto l’anno scorso a Stroncone, quando un rottweiler in fuga da una casa privata aveva aggredito un ragazzino di 12 anni, ferito gravemente a un braccio. Anche in quel caso, i militari erano riusciti a rintracciare gli animali e a metterli in sicurezza. Questi episodi sottolineano l’importanza di garantire la sicurezza dei cittadini rispetto agli animali potenzialmente pericolosi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*