20 maggio, giornata mondiale delle Api

Acquasparta, Comune: api e miele per promuovere biodiversità e sostenibilità ambientale

20 maggio, giornata mondiale delle Api

Il 20 maggio è la giornata mondiale delle Api, Cittaslow International per contribuire attivamente alla loro salvaguardia ha realizzato un Manifesto CittaslowBee, per difendere le api nella consapevolezza che se salveremo la ronzante instancabile operaia salveremo il mondo.

Per invertire la tendenza del declino delle api, riteniamo di primaria importanza la loro difesa, visto il ruolo insostituibile di api, apicoltura (l’apicoltura rimane tutt’oggi un’attività economica incentrata sulla produzione di miele e cera, che ha ancora un’importanza non trascurabile nelle aree rurali, assicurando alle comunità presenti la capacità di presidiare il territorio e produrre reddito) e altri insetti impollinatori nella protezione e mantenimento della biodiversità, per garantire la sicurezza alimentare e un adeguato mantenimento economico di molte persone, in particolare di coloro che vivono in aree rurali o emarginate.



Sapresti dire quanti tipi di miele esistono nel mondo? Lo sapevi che ogni tipo di miele è diverso dall’altro per caratteristiche e qualità organolettiche, componenti attivi e ambientali? Sapevate che il miele si degusta come il vino o il formaggio, con una specifica tecnica di degustazione? Sappiamo che il miele è lo specchio di un territorio, frutto di migliaia di microprelievi di nettare da parte di api e insetti impollinatori e che per questo le api sono uno dei principali indicatori biologici.

Negli ultimi anni le aree verdi naturali, i terreni agricoli, in montagna o in città, hanno sperimentato una carenza di api e altri insetti impollinatori, colpiti sia dai cambiamenti climatici che dalla massiccia introduzione di sostanze chimiche nell’ambiente. Le api possono mostrarci ciò che non notiamo mai, offrono preziose informazioni sulle condizioni di salute della natura, come un vero e proprio check-up dell’ecosistema. Volando di fiore in fiore (si può arrivare fino a 7mila al giorno!), sono i responsabili dell’impollinazione che porta alla nascita di frutta e verdura che a loro volta generano i semi da cui nascono nuovi alberi, all’origine di cicli naturali.

I Sindaci Cittaslow sono da anni in prima linea nella tutela delle api. E lo scorso anno è stato lanciato a livello internazionale “Il Manifesto CittaslowBee: concretamente per le api, sentinelle della biodiversità”: con questo documento il Network Internazionale delle “città del buon vivere” apre una nuova prospettiva di impegno globale per la sostenibilità attraverso la difesa di questo prezioso insetto. Il Manifesto per progetti concreti è stato lanciato il 20 maggio, Giornata mondiale delle api, e il 22 maggio, Giornata internazionale per la diversità biologica (IDB).

Perché le città? Le api sono presenti ovunque, anche in città: nei giardini, sui nostri balconi, nei parchi pubblici, nelle aree urbane abbandonate, nei boschi ecc.

“La nostra salute – afferma il Presidente di Cittaslow International e Sindaco di Asolo, Italia – dipende strettamente da ciò che mangiamo e le api sono un sensore cruciale ed essenziale per produrre alimenti più sani e biologici che ci aiutano a preservare la nostra salute, in armonia con il pianeta e con le generazioni future, nel complesso come conseguenza del Covid-19 abbiamo tutti compreso il valore della salute”.

Le api garantiscono circa il 35% della produzione alimentare mondiale nel mondo, quindi possiamo facilmente capire quale sia il tipo di “emergenza” che dobbiamo affrontare con urgenza. Secondo l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, oltre il 40% delle specie di invertebrati, in particolare api e farfalle, che garantiscono l’impollinazione, rischia di scomparire. Ciò è dovuto dai pesticidi utilizzati in agricoltura e ai cambiamenti climatici causati dallo sviluppo insostenibile delle attività antropiche. A Jeionju (KOR), da Deidesheim (D) a Mirande (F) e Izmir (TR), ecc.,

Il Manifesto contiene un elenco delle 19 principali essenze floreali adatte al benessere delle api negli spazi pubblici e privati e alcune indicazioni pratiche per un Piano di Azione Comunale per l’uso sostenibile dei fitofarmaci nelle aree verdi: come ridurre o annullare il uso di pesticidi, proteggere le api e la biodiversità. Per questo i Sindaci e le comunità di Cittaslow si sono mobilitati e hanno raccolto il sostegno di altre associazioni: proteggere le api significa “assicurare il futuro” per le prossime generazioni.

 

SUL MANIFESTO DI CITTASLOWBEE

I principali vantaggi

• Valore ornamentale.

• Presenza di fioriture prolungate per molti mesi durante l’anno.

• Elevata utilità per api, farfalle e altri insetti impollinatori.

• Salvaguardare la biodiversità della fauna minore e degli insetti utili.

• Limitate esigenze idriche e colturali (si utilizzano specie molto rustiche) e ridotto impatto ambientale.

• Necessità di manutenzione limitate.

• Tolleranza a malattie e parassiti.

• Effetto rapido, soprattutto per i mix di specie annuali.

• Bassi costi di gestione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*