Emergenza rifiuti, sbarre chiuse per 4 camion Gesenu alla discarica di Belledanza

Emergenza rifiuti, sbarre chiuse per 4 camion Gesenu alla discarica di Belledanza

Emergenza rifiuti, sbarre chiuse per 4 camion Gesenu alla discarica di Belledanza Dopo la conferenza stampa del sindaco di Città di Castello il caso dei rifiuti scoppia realmente. Ecco che ieri mattina quando quattro camion di Gesenu provenienti da Perugia carichi di immondizia da smaltire alla discarica di Belladanza non sono stati fatti entrate, così come era avvenuto fino al 31 dicembre. Sbarre abbassate per tutti – scrive la Nazione Umbria di Oggi -. I camion sono tornati indietro verso il capoluogo perugino senza aver svuotato i rifiuti e ora si trovano parcheggiati nell’impianto di Ponte Rio in attesa di conoscere la propria destinazione. Telefonate tra il sindaco Andrea Romizi e il prefetto Claudio Sgaraglia che ieri si trovava a a Città di castello con il sindaco Bacchetta, proprio per discutere dell’emergenza rifiuti.

Pure la Regione è corsa ai ripari riaprendo un pezzo della discarica di Borgogiglione a Perugia: si intende autorizzare 47mila metri cubi che “dovrebbero essere sufficienti per garantire la copertura nel periodo di transizione in cui verrà messa in campo la palificata intorno agli argini della discarica”, spiega l’assessore regionale all’Ambiente Fernanda Cecchini.

L’Autorità d’ambito regionale sul caso ha concesso una proroga fino al 21 gennaio consentendo ai rifiuti di Perugia di giungere ancora a Città di Castello e Orvieto. Da ottobre sono state 10 mila le tonnellate di rifiuti giunti nel capoluogo tifernate a seguito dell’emergenza regionale. Il rischio a questo punto è che a Perugia e negli altri 23 comuni della provincia, i rifiuti invadano le strade.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*