Convenzione vigilanza e controllo in materia venatoria e ittica

Pari opportunità su luoghi lavoro, protocollo d'intesa
Pari opportunità su luoghi lavoro, protocollo d'intesa

Convenzione vigilanza e controllo in materia venatoria e ittica

“La Regione Umbria sottoscriverà a breve una convenzione con la Provincia di Terni per avvalersi della collaborazione della polizia provinciale in specifiche attività di vigilanza e controllo in materia venatoria e ittica. A questo scopo, nel bilancio regionale sono state destinate le risorse necessarie a coprire le spese”.


Fonte  Agenzia Umbria Notizie


Lo comunica l’assessore regionale all’Ambiente, Roberto Morroni, rendendo noto che, su sua proposta, la Giunta regionale ha approvato lo schema di convenzione che regolerà i rapporti fra i due enti.

“Con il riordino delle funzioni e delle competenze legato alla riforma delle Province – ricorda Morroni – a garantire sul territorio regionale il rispetto delle leggi e dei regolamenti nazionali e regionali in materia ittico-venatoria sono i Carabinieri Forestali e il sistema della vigilanza volontaria. Il supporto del Corpo di Polizia provinciale, forte di un bagaglio di competenze e conoscenze acquisite nel settore ittico-venatorio, rafforzerà ulteriormente la tutela del nostro patrimonio faunistico e ambientale”.

Al Corpo di Polizia della Provincia di Terni sono fra l’altro affidate attività di vigilanza sull’applicazione della normativa in materia di tutela del patrimonio ittico e di protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio, il controllo e la vigilanza sulle attività connesse con la gestione faunistica e sulle autorizzazioni rilasciate dalla Regione. In base alla convenzione, inoltre, sarà chiamato a collaborare in specifiche operazioni di controllo e gestione faunistica e coordinerà l’attività di vigilanza delle guardie giurate volontarie venatorie ed ittiche.

Le attività di vigilanza e controllo saranno esercitate nel rispetto dell’autonomia funzionale della Provincia di Terni, secondo gli indirizzi individuati dalla Regione e con verifica annuale delle attività svolte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*