Polizia su proteste Dpcm covid regia criminale a rischio tenuta sociale

Al mondo delle istituzioni, agli attori della comunicazione, a chiunque abbia a cuore le sorti del nostro Paese

 
Chiama o scrivi in redazione


Polizia su proteste Dpcm covid regia criminale a rischio tenuta sociale

Polizia su proteste Dpcm covid regia criminale a rischio tenuta sociale

Lacquaniti dopo le violenze registrate in diverse città italiane, ‘è necessario che tutti abbassino i toni
“Le violenze che ieri sera si sono registrate in tante città italiane hanno evidenziato regie, neanche tanto occulte, di gruppi criminali. Antagonisti, gruppi eversivi, criminalità di stampo mafioso, mondo ultras, stanno convogliando le loro strategie verso l’obiettivo di far collassare il tessuto sociale del Paese”. Così in una nota il portavoce dell’Associazione Nazionale Funzionari di Polizia, Girolamo Lacquaniti, commenta gli scontri che ieri sera sono avvenuti in diverse città italiane.

“Siamo convinti che le bombe molotov lanciate contro i nostri colleghi non possono essere partite da quei lavoratori che legittimamente rivendicano le loro difficoltà”, aggiunge Lacquaniti. “Ci preoccupa più di tutto – prosegue – la presenza di minori all’interno delle espressioni più gravi di violenza e i riscontri investigativi che indicano in modo chiaro come ampi settori della criminalità, organizzata e non, stia tentando di sfruttare a vantaggio dei propri interessi illegali la frustrazione di alcuni settori della popolazione“.

“Al mondo delle istituzioni, agli attori della comunicazione, a chiunque abbia a cuore le sorti del nostro Paese, rinnoviamo l’appello che da settimane ripetiamo, purtroppo inascoltati, è necessario che tutti abbassino i toni e, soprattutto, che nessuna dichiarazione possa essere interpretata come alibi da parte di chi sta tentando di far ripiombare l’Italia nel clima degli anni ’70”, sottolinea Lacquaniti.

“Ai colleghi di tutte le forze di Polizia rimasti feriti rivolgiamo la nostra solidarietà e vicinanza, consapevoli che senza una presa di coscienza collettiva, gli scenari sono destinati ad un triste quanto drammatico peggioramento”, conclude.

(Sib/Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*