Conclusa la sagra della Porchetta di Costano, un’edizione piena di cuore

Tra gli ospiti illustri anche Brunello Cucinelli e il vescovo di Assisi, Sorrentino. Non si esclude una edizione invernale

Conclusa la sagra della Porchetta di Costano, un'edizione piena di cuore
Porchetta in Bellavista

Conclusa la sagra della Porchetta di Costano, un’edizione piena di cuore. Quella di quest’anno, forse più delle passate edizioni, è stata una edizione dove cuore e passione si son fatti sentire. La Sagra della Porchetta di Costano, nei suoi ultimi giorni, si è allineata con il resto del mondo. Sì, perché, il Gruppo Giovanile – da sempre molto attento alle tematiche sociali – ha voluto partecipare alla imponente mobilitazione di aiuto verso le popolazioni colpite dal devastante sisma del 24 di agosto. “Doneremo ciò che avevamo deciso di utilizzare per festeggiare la chiusura della Sagra – dice il Presidente, Simone Bordichini -, non sono giorni di festa, questi, ed è giusto che anche noi facciamo la nostra parte”.

L’edizione 2016 si è chiusa con questi numeri 115 porchette, oltre 250 volontari, 70 ragazzi che dai 9 ai 20 anni si sono occupati della taverna, lo Gnocco del Porchettaio ha sfondato le 1.500 portate. Dati incoraggianti che dimostrano quanto nella Sagra della Porchetta di Costano sia coinvolto un intero paese in fermento nell’arco di 10 giorni.

Simone Bordichini, il presidente del Gruppo Giovanile di Costano organizzatore dell’evento, è soddisfatto del buon esito: “Sono molto orgoglioso dei volontari e li ringrazio tutti. Sono rimasto molto emozionato in queste 10 sere nel vedere insieme i ragazzini dai 9 a 20 anni fare la lotta per andare a rubare un carrello e sparecchiare un tavolo. La trasparenza, l’innocenza e la voglia di stare insieme, senza alcun tipo di interesse e di pregiudizio nei confronti degli altri. Hanno dato – ha detto – anche un esempio morale ai più grandi e tutto questo mi ha reso felice. Vederli lavorare fino alle due di notte è stata un’emozione per me, si divertivano a  sparecchiare prestando molta attenzione a depositare i rifiuti nel giusto contenitore della raccolta differenziata”.

Il chiosco della porchetta e del bar sono andati benissimo, l’Angolo del Ghiottone ha incrementato i suoi numeri di crêpe e dolci vari, anche la piazza gremita di ragazzi e di giovani. E poi un grande successo per tutte le orchestre spettacolo, tanta folla per “Rossella Ferrari” e per “Marco e il Clan” in esclusiva e per la prima volta in Umbria dal Piemonte.

“Abbiamo avuto ospiti illustri – ha detto Simone Bordichini -, è venuto a trovarci Brunello Cucinelli, il sindaco di Bastia Umbra, Stefano Ansideri con i suoi assessori, con alcuni consiglieri, quello di Assisi, Stefania Proietti, con alcuni assessori e anche il vescovo della Diocesi di Assisi, Domenico Sorrentino”.

La sagra anche su Facebook ha avuto un gran successo. In tutto il periodo dell’evento la pagina della Porchetta di Costano ha avuto 2.758 visualizzazioni, 313 mi piace in più rispetto all’anno scorso, 148.775 persone raggiunte, 19.988 interazioni con i post, 2.341 visualizzazioni dei video pubblicati. Con visualizzazioni non solo dall’Italia e dai comuni limitrofi, ma anche dalla Germania, dalla Romania, dal Regno Unito, dall’Albania, dal Brasile, dal Marocco, dall’Argentina, dalla Francia e persino dal Bangladesh, La sagra piace al 56 per cento delle donne e al 44 per cento ai maschi, con un maggior interesse nella fascia di età che va dai 25 ai 34 anni.

“Vengo da Roma apposta per la Sagra della Porchetta. Sono Bulgara, vivo in Italia da 15 anni e vengo qui a mangiare la porchetta. Ho mangiato la porchetta, mi piace ed è buona, non ho perso una sera”. Questi alcuni dei commenti delle persone che hanno visitato la sagra, ormai un appuntamento fisso per molti. Arrivederci alla prossima estate, ma non è escluso un appuntamento con la Sagra della Porchetta di Costano anche nella stagione invernale. Il Gruppo Giovanile di Costano sta già studiando come fare.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*