Io non rischio, Curcio: “Dobbiamo ricordarci che il nostro Paese è soggetto a tanti altri rischi” 📸🔴 FOTO E VIDEO



Io non rischio, Curcio: “Dobbiamo ricordarci che il nostro Paese è soggetto a tanti altri rischi”

Volontariato di protezione civile, Istituzioni e mondo della ricerca scientifica sono tornate in piazza per diffondere la conoscenza dei rischi naturali nel nostro Paese e delle buone pratiche di protezione civile. “Questo anno e mezzo che abbiamo vissuto di emergenza sanitaria ha focalizzato le energie migliori paese, anche quelle del volontariato per combattere un qualcosa che conoscevamo poco ed è stato fatto con il sistema di protezione civile e con i volontari”. Lo ha dichiarato Fabrizio Curcio, Capo della protezione Civile, a margine della visita a Bastia Umbra, in occasione dell’evento “Io non rischio”.


di Marcello Migliosi e Morena Zingales


“Dobbiamo proseguire in quella direzione come stiamo facendo – ha aggiunti –, ma dobbiamo ricordarci che il nostro Paese è soggetto a tanti altri rischi e quindi riconcentrarci su quelle che sono le nostre attività primarie di informazione alla popolazione e di conoscenza dei rischi del nostro territorio. La campagna Io non rischio è alla sua undicesima edizione, una campagna che ha cementato il rapporto tra il cittadino e le istituzioni tramite il volontariato di protezione civile”.

Volontarie e volontari per tutta la domenica del 24 ottobre sono presenti negli spazi informativi “Io non rischio”, realizzati online e nei gazebo allestiti su gran parte del territorio nazionale, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.

“E’ importantissimo ha continuato Curcio rifocalizzarci su questi argomenti, partendo dal fatto che abbiamo visto che sulle situazioni più drammatiche siamo in grado di assumere comportamenti corretti, noi stessi stiamo usando le mascherine, ci detergiamo le mani con più frequenza e assumiamo comportamenti che minimizzano il rischio. Dobbiamo ricordarci che abbiamo tutta una serie di comportamenti nell’ordinario che minimizzano i rischi di protezione civile, quindi aiutare i cittadini in questo percorso e lo facciamo sulle basi scientifiche, grazie al nostro straordinario volontariato che poi in Umbria è veramente un eccellenza”.

La campagna “Io non rischio” è presente oltre a Bastia Umbra in Piazza Mazzini, anche a Spoleto in Piazza della Vittoria e online nelle pagine Facebook di Città di Castello, Corciano, Perugia – Ferro di Cavallo, Perugia – Centro, Perugia – Sant’Egidio, Foligno, Terni e Narni.

All’evento ha partecipato anche la Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei. Una protezione civile sempre ha voluto sottolineare la presidente della Regione: “Voi siete il baluardo per la sicurezza in ogni momento ed in ogni circostanza. La sicurezza dei cittadini, come di tutto il territorio in cui operate. Per tutto ciò, per la vostra generosità, professionalità e dedizione non finiremo mai di ringraziarvi”. Con queste parole la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha voluto salutare a Bastia Umbra i volontari di Protezione Civile, che hanno allestito un gazebo – come anche a Spoleto – in occasione della giornata nazionale “Io non rischio”. 

La presidente Tesei ha voluto ricordare il ruolo svolto, e che tuttora svolge, tutto il sistema di volontariato di Protezione Civile per la pandemia: “Anche in questa drammatica circostanza, che ancora non ci siamo messi alle spalle, i vostri interventi sono stati sempre puntuali ed efficaci, dimostrando una straordinaria vicinanza a tutte le nostre comunità. Personalmente, e come presidente della Regione, credo fortemente nella importanza della Protezione Civile. Prova ne sia il fatto che uno dei primissimi atti che ho voluto assumere non appena mi sono insediata è stato quello di decidere un significativo incremento delle risorse per il vostro sistema. Ed oggi sono voluta essere qui con voi, insieme al Capo della Protezione Civile nazionale, Fabrizio Curcio, per rinnovare a voi tutti il nostro ringraziamento e la nostra gratitudine. Sentimenti che sono certa appartengono a tutti gli umbri”.

L’edizione di quest’anno si arricchisce di una nuova e importante iniziativa, un evento digitale nazionale organizzato dal Dipartimento della Protezione Civile. La Campagna a livello nazionale coinvolge oltre 3000 volontarie e volontari appartenenti a circa 500 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

Io non rischio” – Campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima, Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica, Regioni, Province Autonome e Comuni.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*