Giornata mondiale per l’epilessia. Le iniziative dell’ospedale di Terni

Giornata mondiale per l'epilessia. Le iniziative dell'ospedale di Terni

Giornata mondiale per l’epilessia. Le iniziative dell’ospedale di Terni

In occasione della giornata mondiale dell’epilessia, in programma oggi, il Santa Maria aderisce alle iniziative programmate sul territorio con l’organizzazione di un convegno a cui prenderanno parte i migliori esperti del settore. Nella giornata di oggi i monumenti e i palazzi storici di diverse città saranno colorati di viola, il colore che caratterizza la sensibilizzazione nei confronti dell’epilessia. A Terni l’iniziativa riguarderà la fontana di piazza Europa. In questo ambito il Santa Maria organizza il convegno dal titolo “Manifestazioni cliniche parossistiche nel bambino: come riconoscerle, cosa fare?”. L’evento si svolgerà nell’ambito degli eventi valentiniani presenti a Terni, in occasione della festa di San Valentino. Il santo infatti, oltre a essere patrono della città, è anche uno dei protettori dell’epilessia.

Il convegno è in programma il 23 febbraio al PalaSì, in piazza della Repubblica a Terni. L’organizzazione scientifica è curata dai dottori Domenico Frondizi e Federica Celi, entrambi del Santa Maria, con il patrocinio della Società Italiana di Neonatologia e Società Italiana di Pediatria.

“Il convegno – spiegano Frondizi e Celi – vuole essere l’occasione per approfondire, con i migliori esperti in materia, il tema dell’epilessia e porre l’attenzione sulle diverse manifestazioni cliniche accessuali che pongono non poche difficoltà in fase di diagnostica differenziale, soprattutto in età infantile ed evolutiva. La fenomenologia epilettica convulsiva o meno, le manifestazioni parossistiche del dolore, i disturbi parossistici della coscienza, epilettici o meno, hanno, come comune denominatore, il fatto di insorgere bruscamente ed esaurirsi in tempo altrettanto breve. Obiettivo dell’incontro è quello di fornire utili mezzi per una diagnosi differenziale, discutendone con prestigiosi esperti in campo nazionale e alla luce delle più recenti acquisizioni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*