“Abbi cura di te”, il 2022 sarà l’anno della prevenzione dai rischi lavorativi collegati a posture e movimenti non corretti

Firmato l’accordo per la realizzazione di un progetto innovativo tra Inail, Ente Bilaterale del Terziario Umbria ed Ente Bilaterale del Turismo dell’Umbria

Abbi cura di te 2022 anno prevenzione dai rischi lavorativi posture

“Abbi cura di te”, il 2022 sarà l’anno della prevenzione dai rischi lavorativi collegati a posture e movimenti non corretti

Si chiama “Abbi cura di te: la prevenzione dei rischi lavorativi collegati a posture e a movimenti non corretti” ed è il progetto che, nel corso del prossimo anno, andrà ad incidere concretamente sulla sicurezza degli ambienti di lavoro in Umbria, in modo molto innovativo e attraverso l’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione.
Il progetto sarà realizzato in collaborazione tra Inail Direzione territoriale Perugia – Terni, l’Ente Bilaterale del Terziario Umbria e l’Ente Bilaterale del Turismo dell’Umbria.


Fonte: Confcommercio Umbria


L’accordo per la realizzazione del progetto è stato firmato dal direttore di Inail territoriale Perugia – Terni Lorenza Nistri e dai presidenti degli Enti Bilaterali Stefania Cardinali e Maria Ermelinda Luchetti, che hanno concordato sulla volontà di sviluppare la più ampia sinergia per rafforzare il sistema di prevenzione nei settori del terziario e del turismo, attraverso interventi mirati alle specificità di questi comparti.
Comparti dove, per la tipologia del lavoro, esistono rischi legati a comportamenti o posture non corretti, che incidono poi in modo molto significativo sulle malattie professionali, anche in Umbria.

Un esempio può essere quello dei soggetti che lavorano in aziende dove non è previsto l’utilizzo di strumenti meccanici per sollevare piccoli carichi, come nei pubblici esercizi o negli uffici dove è possibile che, in modo scorretto, vengano sollevati pesi di piccola entità che comportano nel lungo periodo importanti conseguenze sull’apparato muscolo scheletrico. O quella dei lavoratori che restano in piedi per tante ore consecutive.

Le molte iniziative in cui si articolerà il progetto saranno centrate proprio verso quelle situazioni nelle quali l’informazione, anche tramite nuove soluzioni mediatiche, e la guida ad un corretto comportamento, possono fare veramente la differenza per la salute del lavoratore.

Il progetto coinvolgerà, in particolare, addetti alle vendite, addetti ai magazzini e la logistica, distributori di carburante, personale di ufficio, personale della cucina e dei pubblici esercizi.

Tutti questi lavoratori, nelle diverse fasi del progetto, saranno informati e sensibilizzati, attraverso i moderni canali di comunicazione e con modalità sperimentali, sull’adozione di comportamenti corretti e adeguati al proprio ambiente di lavoro, nel rispetto della normativa sulla sicurezza e con l’intento di intervenire sulle cattive abitudini che espongono al rischio di infortuni e malattie professionali.

Il primo passo sarà la costituzione di un gruppo di lavoro interdisciplinare, in grado di individuare professionalità, strumenti, strategie di lavoro, che si avvarrà anche del contributo degli esperti Inail e degli Enti Bilaterali.

L’Ente Bilaterale del Terziario è l’organismo costituito e gestito pariteticamente da Confcommercio Umbria in rappresentanza dei datori di lavoro, e dai sindacati dei lavoratori Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil.

L’Ente Bilaterale del Turismo è costituito e gestito dalle associazioni del turismo di Confcommercio Umbria Federalberghi, Fipe, Faita e Fiavet in rappresentanza dei datori di lavoro, e dai sindacati dei lavoratori Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*