Operaio precipita da Ponteggio, Mori, rafforzare prevenzione e controlli

 
Chiama o scrivi in redazione


Operaio precipita da Ponteggio, Mori, rafforzare prevenzione e controlli

Operaio precipita da Ponteggio, Mori, rafforzare prevenzione e controlli

© Protetto da Copyright DMCA

“Non si può continuare a morire di lavoro e per il lavoro, un diritto sacrosanto sancito dalla Costituzione che troppo spesso si trasforma in tragedia come quella che da ieri sta vivendo un operaio di 49 anni (e la sua famiglia), volato giù dal tetto di una casa a quindici metri di altezza.

Non si può: basta. Bisogna tenere la guardia sempre più alta e collaborare in sinergia, istituzioni, associazioni di categoria, sindacati, forze sociali e scuola, per rafforzare e mantenere viva e operativa la cultura della prevenzione, il rispetto delle regole in tutti i luoghi di lavoro e, in particolare, in quelli dove, dati alla mano, il rischio di infortuni, talvolta anche mortali è elevato”.

È quanto dichiarato oggi giovedì 9 maggio da Emanuela Mori, consigliera comunale Pd e candidata nella lista del Partito democratico nella coalizione del candidato sindaco Giuliano Giubilei.

“Guardia sempre più alta su questo settore – commenta Mori –. Dovrà essere e sarà una delle priorità del nostro programma, che per quanto di competenza a livello istituzionale dovremo mettere in pratica assieme a tutti i soggetti coinvolti a partire dalle forze datoriali, dai sindacati, dalle associazioni di categoria come l’Anmil, da sempre in prima linea nel difendere i lavoratori, e tutti gli organismi deputati al controllo, al rispetto delle regole, alla formazione e prevenzione.

Su questi ultimi, chi di dovere a livello nazionale dovrà necessariamente prendere provvedimenti per potenziarli e dotarli di ulteriore personale tecnico, giuridico e sanitario da affiancare a quelli esistenti che già stanno operando tanto e con grande professionalità”.

“Noi lo chiederemo con forza – afferma ancora Mori – e, se i cittadini ci daranno la forza per governare questa città per i prossimi anni, lo metteremo nero su bianco da subito. Non si può morire di lavoro e per il lavoro”.

Nel sottolineare la vicinanza e solidarietà all’operaio che ora è ricoverato all’ospedale Santa Maria della Misericordia, la candidata Pd in consiglio comunale Emanuela Mori ricorda alcune impietose statistiche pubblicate qualche giorno fa dai mezzi di informazione (fonte Inail) in riferimento all’“aumento del numero di incidenti sul lavoro in Umbria in questo avvio del 2019. Da gennaio a marzo, ci sono state 2.640 denunce contro le 2.405 dei primi tre mesi del 2018. In percentuale, a un aumento che sfiora il 10 per cento, attestandosi esattamente al +9,8 per cento. Mediamente, ci sono state 30 denunce di casi al giorno”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*