Monteluce, Andrea Fora, “Ora basta, si faccia chiarezza”

 
Chiama o scrivi in redazione


Monteluce, Andrea Fora, "Ora basta, si faccia chiarezza"

Monteluce, Andrea Fora, “Ora basta, si faccia chiarezza”

“Ora basta, si faccia chiarezza sulla situazione di Monteluce. Vanno date risposte immediate alle imprese coinvolte”. È quanto dichiara il consigliere regionale Andrea Fora (Patto civico per l’Umbria) annunciando la presentazione di un’interrogazione a risposta immediata alla Giunta “per comprendere come intende finalmente far pagare al Fondo il dovuto alle imprese e alle maestranze”. “Sulla vicenda Monteluce – ricorda Fora – sono già intervenuto più volte in questi mesi con interrogazioni, dichiarazioni di voto e interventi pubblici.

L’ultimo intervento è stato lo scorso 10 luglio all’indomani dell’appello pubblico del ‘Consorzio Monteluce Scarl’ alla Regione con il quale il consorzio chiedeva legittimamente risposte, soluzioni ai 3 milioni di euro di crediti vantati e proponeva anche modalità per risolvere il problema. Apprendiamo oggi dai quotidiani che il Consorzio a quella missiva non ha ricevuto alcuna risposta dalla Regione. Non si può tollerare che nonostante le gravi difficoltà arrecate a imprese e oltre 200 lavoratori non ci si prenda neanche la briga di spendere 10 minuti del proprio tempo per rispondere a chi chiede la tutela legittima dei propri interessi”.

“Il Presidente del Consorzio inoltre – continua Fora – nelle dichiarazioni di oggi a La Nazione (https://tinyurl.com/yy2br96o) fa emergere anche un dato finora rimasto sottotraccia: la Regione ormai 3 anni fa, fra febbraio ed aprile, avrebbe consentito la modifica dello Statuto del fondo privandosi di fatto della possibilità di incidere in maniera efficace rispetto alle decisioni del fondo medesimo. Un ulteriore elemento che getta preoccupazione sul futuro di Monteluce per il quale però non si può abbassare la guardia”.

“Ora basta, – prosegue Fora – è il tempo di dare risposte. È un dovere morale che va al di là di meriti e demeriti del passato e di tutti i problemi tecnici della vicenda. Lavoratori, imprese e commercianti – conclude – non possono più essere lasciati soli. Va bene adoperarsi per le moratorie finanziarie come fatto fin qui ma il tempo del rinvio è finito. Servono subito le risposte”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*