Ponte Pattoli, questa via non è una pista di Formula 1 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Ponte Pattoli, questa via non è una pista di Formula 1

Periferia di Perugia, terrore per le famiglie che abitano a ridosso della via principale di questa frazione di Perugia

Raccontano i cittadini: ”Questa strada è diventata la pista di Monza!”

da Alain Hertz
Il tratto che attraversa il paese collegando Villa Pitignano e Resina, passando per l’abitato di Ponte Pattoli, a parte poche curve è composto principalmente da lunghi tratti dritti, gli automobilisti, transitano a velocità spaventose, anche lì dove è presente l’abitato e cartelli con un limite da trenta a cinquanta e dove sono presenti strisce di attraversamento pedonale.

Oltre ad essere un pericolo per animali e persone lo è anche per gli automobilisti dato il deterioramento della carreggiata in cui sono presenti grosse buche e rattoppi. Nella giornata di ieri, per l’ennesima volta si è sfiorato il dramma, per l’uomo ma non per il suo cane che è stato tranciato da un veicolo che percorreva a velocità esagerata questa strada.

Racconta l’uomo E.N di 67 anni e i vicini: ”Uscivo a portare fuori il mio cane e me lo hanno tranciato senza nemmeno fermarsi, per dieci centimetri non ha centrato anche me!”

Da anni gli abitanti di quel particolare tratto di strada, fanno richiesta di adeguamento e messa in sicurezza, tramite esposti e lettere raccolte firme agli enti comunali e stradali senza alcun risultato.

Più e più sono gli incidenti tra veicoli, animali e persone che si raccontano nel tempo. Adiacente alla via per lo più abitano anziani e alcuni bambini, non vi è presente nessun marciapiedi,  addirittura le auto con il loro conducente non rispettano nemmeno le soste degli autobus e le strisce di attraversamento pedonali!

“Abbiamo paura anche di andare a fare la spesa, passano rasenti le abitazioni”. Così la sicurezza del paese viene disturbata e messa a dura prova dall’incuria degli automobilisti e dagli enti comunali che non prendono in mano le richieste fatte dagli abitanti al fine di mettere in sicurezza le famiglie e le strade, lasciando spazio a piloti pirata di fare ciò che vogliono!


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*