Governo, Conte: “Ora la decisione spetta a Draghi”

Sfiducia a Draghi e elezioni, si lavori per costruzione omogenea europeista e profondamente riformista nell'agenda Draghi
ph Adnkronos

Governo, Conte: “Ora la decisione spetta a Draghi”

Le comunicazioni del presidente del Consiglio ed il successivo dibattitto sulla fiducia con il voto partiranno da Palazzo Madama. E’ questo il frutto dell’accordo tra i presidenti del Senato Elisabetta Casellati e della camera Roberto Fico.


Fonte Agenzia Nazionale Stampa Associata


All’interno del M5s la resa dei conti è infinita, coi vertici del gruppo alla Camera in rivolta e il rischio scissione alle porte

Giuseppe Conte non lo nasconde e lancia un ultimatum: “Se qualcuno ritiene di non poter condividere un percorso così partecipato e condiviso – dice – faccia la propria scelta in piena libertà, in maniera chiara, subito e senza ambiguità”. I tempi sono stretti: “C’è una notte per pensarci – dice Conte ai vertici del gruppo alla Camera – decisioni che vanno in direzione di una diversa prospettiva siano dichiarate per tempo, per correttezza verso tutti”. Il presidente del M5s, intanto, aspetta segnali da Palazzo Chigi sulle nove richieste del Movimento per il programma di governo: “Adesso la decisione non spetta a noi, ma a Draghi”, dice chiudendo l’incontro coi parlamentari.

Per il leader, il premier dovrà valutare le condizioni e decidere il perimetro del dialogo: c’è tempo fino a mercoledì, quando si voterà la fiducia al governo. “L’atteggiamento di responsabilità – dice Conte – ci impone di chiedere al presidente Draghi che le priorità da noi indicate vengano poste nell’agenda di governo”. Intanto, però, il presidente del M5s teme l’accerchiamento: chi gli sta vicino legge le mosse degli altri partiti, sia di centrosinistra sia di centrodestra, come un disegno per relegarlo ai margini.

L’assemblea dei gruppi parlamentari del M5s è stata una maratona via zoom, una gara di resistenza di tre giorni quasi di fila. Il pallottoliere ha contato una ventina di interventi di chi vuol confermare l’appoggio a Draghi. Se ne è fatto portavoce un esponente di spicco del M5s, il capogruppo a Montecitorio Davide Crippa: “Non si capisce perché non dovremmo votare la fiducia”. La posizione dei contiani l’ha invece riassunta la deputata Vittoria Baldino: le dimissioni di Draghi sono state un reazione “scomposta”, che va letta come “un invito alla porta”.

Nel marasma di dichiarazioni e manovre, si inseguono voci e sintomi. Le prime riguardano una raccolta di firme in corso su un documento dei “governisti” pronti a lasciare il M5s: i numeri ballano, c’è chi moltiplica per due il dato di quella ventina che ha parlato chiaramente a favore di Draghi. Ma la conta definitiva non c’è, anche perché, per ora, Conte non ha detto una parola definitiva sulla posizione che il M5s terrà al momento della fiducia.

‘Noi chiediamo stabilità per il paese, stabilità che non si può avere con il M5s al governo. La soluzione è o un governo Draghi senza 5s o si va a votare”, ha detto il coordinatore di FI Antonio Tajani a margine dell’incontro con Silvio Berlusconi.
“Appelli, ripensamenti, suppliche e giravolte: per paura di esser sconfitta, la sinistra è disposta a tutto pur di scongiurare il ritorno al voto. Possono fuggire quanto vogliono, arriverà presto il giorno in cui dovranno fare i conti col giudizio degli italiani”. Così su Facebook la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

“Basta con l’indegno teatrino di 5Stelle e PD che, come spiegato giovedì dal Presidente Mario Draghi, ha fatto venir meno ‘il patto di fiducia’ su cui era nato questo governo. Il Parlamento è ormai completamente delegittimato: basarsi su transfughi e maggioranze ballerine non garantisce stabilità ed è in contrasto con quanto desiderato esplicitamente dal premier che non vuole cambiare in corsa le forze che lo sostengono. A questo punto, diamo agli italiani la possibilità di scegliere un nuovo Parlamento che finalmente, e per cinque anni, si occupi di lavoro, sicurezza e salute degli Italiani, altro che droga libera, Ius Soli o Ddl Zan”. Così il vicesegretario della Lega, Lorenzo Fontana.

“Siamo alla farsa. Ora Pd e M5s chiedono a Draghi di comunicare prima alla Camera e poi al Senato solamente perché Conte è più debole alla Camera. Giochini vergognosi che vanno contro la prassi che vuole che le comunicazioni del Presidente del Consiglio siano fatte nella camera di prima fiducia o dove si è generata la crisi. In entrambi i casi, quindi, al Senato. Gli italiani meritano rispetto, serietà e certezze”. Così i capigruppo di Camera e Senato della Lega Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo.

GLI APPELLI A DRAGHI  – Il mondo dell’associazionismo lancia un “appello al Presidente del Consiglio Mario Draghi e alle forze politiche che l’hanno sostenuto affinché venga scongiurata una crisi di Governo“. Esprimendo “profonda e sincera preoccupazione”, sottolineano che “la drammaticità del momento e le tante domande di dignità della società non abbiano bisogno di una crisi perché ne uscirebbero ancora più compromesse”. Il documento è firmato da Acli, Arci, Azione Cattolica, Confcooperative, Cnca, Fuci, Gruppo Abele, Legambiente, Legacoop Sociali, Libera, Meic, Movimento Politico per l’Unità, ed è aperto ad altre sottoscrizioni.

E dopo gli appelli di sindaci e imprenditori, arriva anche quello dei rettori affinché il presidente del Consiglio Mario Draghi resti alla guida del governo. ‘Caro presidente Draghi, l’università ha bisogno di lei. Per questo vogliamo farle avere un rinnovato messaggio di stima’, scrive in una lettera al Corriere della Sera il presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane Ferruccio Resta. ‘I giovani studenti del nostro Paese hanno bisogno di esempi da seguire e di riferimenti da ricordare – prosegue Resta – Gli studenti vivono questa ennesima vicenda con rassegnazione. Non scenderanno in piazza non perché non abbiano un’opinione a riguardo, ma perché ipotizzo non abbiano né la voglia né l’interesse ad assecondare i giochi della politica”, aggiunge. La lettera è incentrata sui giovani. ‘Con la pandemia hanno vissuto momenti di grande incertezza. A loro dobbiamo restituire la fiducia nel futuro’. Questo, prosegue il rettore del Politecnico di Milano, ‘è il momento della responsabilità’. ‘Grazie ai fondi del Next Generation EU, è un momento positivo, di grande slancio. Non permettiamo ai venti della politica di cambiarne la rotta. Una barca senza timone va alla deriva’, conclude Resta.

Dopo i rettori, anche dal mondo della scuola arriva un appello al premier, Mario Draghi: “Presidente resti, la scuola ha ancora bisogno di Lei”. La lettera aperta diffusa e firmata da Tuttoscuola ha superato in pochissimo tempo migliaia di adesioni da parte del mondo dell’educazione, tra cui esponenti sindacali, dell’associazionismo, esperti del settore istruzione e tantissimi docenti e dirigenti scolastici, ma anche famiglie. Tra i firmatari anche la segretaria generale della Cisl Scuola Ivana Barbacci, esperti di fama come Benedetto Vertecchi, Italo Fiorin, Giuseppe Cosentino. “Non deluda quelle migliaia e migliaia di giovani che grazie a Lei stanno ritrovando fiducia nel futuro – conclude l’appello del mondo della scuola -. Non deluda le aspettative di milioni di famiglie, di docenti e di dirigenti scolastici che dal Pnrr che Lei sta conducendo in porto, insieme ad altre riforme decise in questi mesi, si aspettano nuove condizioni di riscatto sociale e di rilancio dell’azione formativa”.

L’EUROPA – “Non si vende la pelle dell’orso prima di averlo preso…”, ha detto l’Alto rappresentante della politica estera dell’Ue Josep Borrell sul fatto che a Mosca stiano festeggiando la crisi del Governo Draghi.

 

1 Commento

  1. E’ una delle poche volte che condivido quanto detto da Tajani. Il problema non è tanto la crisi di governo, ne abbiamo avute decine, quanto il M5S e il suo Presidente che renderebbe un servizio al Paese se tornasse a fare il Professore Universitario.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*