Dopo ritiro lotto Astrazeneca, segnalazioni reazioni avverse al Codacons

 
Chiama o scrivi in redazione


Dopo ritiro lotto Astrazeneca, segnalazioni reazioni avverse al Codacons

Dopo ritiro lotto Astrazeneca, segnalazioni reazioni avverse al Codacons

L’associazione, ‘ovviamente non è possibile al momento stabilire nesso causale, occorre cautela ma stiamo raccogliendo denunce’
“Sono un’insegnante di 42 anni. Ho fatto la prima dose di vaccino in data (omissis) presso l’ospedale di (omissis) alle ore 18:16. Ho avuto una grave reazione allergica. Stavo morendo, mi hanno rianimata con flebo e ossigeno terapia. Ho segnalato il tutto anche ad Aifa, inutile dire che i medici mi hanno sconsigliato di fare la seconda dose e che di conseguenza non potrò essere vaccinata contro il covid”.

© Protetto da Copyright DMCA

Dopo l’annuncio del ritiro del lotto di vaccini Astrazeneca da parte dell’Aifa, è boom di segnalazioni di effetti avversi gravi da parte dei cittadini. Lo rivela il Codacons, che in queste ore -dopo essersi offerto di lanciare una class action per i soggetti danneggiati dal vaccino- sta ricevendo decine di messaggi da parte di cittadini italiani che si sono sottoposti al vaccino e riportano una serie di reazioni, in alcuni casi anche gravi.

“Ovviamente -sottolinea il Codacons- non è possibile stabilire al momento un nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e le reazioni registrate dai pazienti, e occorre procedere con estrema cautela. Stiamo raccogliendo tutte le denunce dei cittadini per valutare eventuali azioni risarcitorie, in attesa degli esiti delle indagini della magistratura”.

Ecco alcune delle segnalazioni ricevute dall’Associazione.

“In data 24 febbraio ho ricevuto la prima dose del vaccino Astrazeneca -scrive un utente- dopo 7 ore ho avuto sintomi come febbre alta, stato confusionale e dolori fortissimi alle gambe che mi impedivano persino di andare in bagno il tutto per 48 ore. Da quel giorno non sto più bene, ho continui brividi”.

In molti riportano “brividi”, “mal di testa invalidante”, “dolore al braccio”, “spossatezza”, “stanchezza”. “Ieri ho ricevuto una dose del vaccino astrazenica del lotto ritirato -scrive al Codacons una docente- Questa notte sono stata molto male e continuo ad aver febbre, brividi, dolori muscolari e un terribile mal di testa. Sintomi molto severi e sono veramente preoccupata. La febbre si alza appena va via l’effetto della tachipirina”.

In molte segnalazioni, gli effetti sono riportati già dopo la prima somministrazione. “Volevo segnalare -scrive una cittadina- che dopo fatta la prima dose di Artezeneca il 22 febbraio, dopo 8 giorni -precisamente il 3 marzo- ho avuto un ipoacusia improvvisa all’orecchio destro dove ancora sto combattendo con forti dolori all’orecchio e fischi terrificanti. Mi sto curando con siringhe di cortisone!! Io non so se c’è una correlazione con il vaccino, il mio otorino dice no, comunque mi è sembrato giusto far presente l’accaduto”.

“Buonasera, io vorrei informazioni su questi effetti di trombosi dopo il vaccino -scrive un altra- Martedì 2 marzo mio marito ha avuto la dose Astrazeneca, il giorno dopo sangue nell’occhio che aumentava sempre di più. Attualmente è il sesto giorno di eparina collirio, l’occhio è migliorato, è diventato giallo ed è rimasto solamente una chiazza di sangue”.

“Io e altri miei colleghi -scrive un insegnante- abbiamo ricevuto la dose Astrazeneca un paio di settimane fa, quasi tutti abbiamo avuto forti effetti collaterali che ci hanno fatto saltare in media 2 giorni di lavoro (siamo liberi professionisti). Personalmente, ho avuto febbre talmente alta da non riuscire a misurarla, convulsioni, mal di testa forte, brividi e mal di stomaco”.

Tra i sintomi riportati ci sono anche “reazione cutanea in rilievo molto brutta”, “difficoltà respiratoria durante la prima notte”, senso di spossatezza per tre giorni”, “forti dolori alle gambe, per cui per ben 5 giorni ho cessato ogni tipo di attività”. Qualcuno ammette, dopo quindici giorni dalla somministrazione, “di avere ancora capogiri e malessere generalizzato”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*