Ciclone islandese in arrivo da lunedì, aprite gli ombrelli, occhio alla grandine

Ciclone islandese in arrivo da lunedì, aprite gli ombrelli, occhio alla grandine

Ciclone islandese in arrivo da lunedì, aprite gli ombrelli, occhio alla grandine. Nella giornata di Lunedì 16 il tempo subirà un decisivo e cruciale cambio di rotta. Il Re dell’estate, il Sole, subirà un oscuramento, ma non si tratterà di una eclissi ovviamente, né tantomeno di qualcosa di anomalo, ma semplicemente sarà l’arrivo di un ciclone islandese che innecherà forti temporali collegati ai cumulonembi, quelle nubi imponenti alte ben 10.000 metri più dell’Everest, bianche ed innocue all’apparenza dalla sommità, da un ovvervatore per esempio a bordo di in jet, nere e minacciose invece alla base, quaggiù un basso.

Piuttosto è da considerarsi anomalo proprio un cambio di rotta così in piena estate attuato da un repentino mutamento del clima in meno di ventiquattro ore, con l’aria fredda che a suon di tuoni e fulmini si propagherà rapida prima al Nord e Toscana, poi scenderà dalla Francia sulla Sardegna per sfociare impetuosa e impietosa Lunedì sera sul Lazio e Roma, estendendosi al resto delle regioni centrali e puntando anche verso il Sud a partire da Napoli.

Non solo il CentroNord dunque, ma anche il Sud entro Martedì 17 verranno completamente investiti dal maltempo. È nostro dovere sottolineare il rischio di eventi meteo gravi come nubifragigrandinate e perché no, locali trombe d’aria e marine, seppure di difficilissima previsione, che potrebbero colpire importanti città come Torino, Genova, Milano, Bologna, Verona, ma anche Firenze, Roma, Padova, Venezia e Udine.

E se non bastasse, la raffica di maltempo verrà sospinta da aria fresca atlantica che rimescolerà l’aria causando un abbassamento delle temperature di 10°C, come detto prima al Nord e Toscana, poi sul Lazio, resto del Centro e Martedì infine anche al Sud a partire dalla Campania e Napoli, ma anche in Sicilia e in Puglia col maestrale e la tramontana.

Fonte: ilmeteo.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*