Surreale, al Festival delle Nazioni, assenza Giunta Regionale e giù interrogazione

 
Chiama o scrivi in redazione


Il pianista russo Dmitry Shishkin inaugura il 53° Festival delle Nazioni

Surreale, al Festival delle Nazioni, assenza Giunta Regionale e giù interrogazione

Per il consigliere regionale del Partito democratico Michele Bettarelli l’assenza della Presidente e della Giunta regionale dell’Umbria alla 53esima edizione del Festival delle Nazioni è stata “surreale”, dopo aver “reclamato e ottenuto rappresentanti della Regione nel Consiglio di amministrazione. Bettarelli annuncia un’interrogazione per chiedere “quale potrà essere il ruolo che questa Giunta Regionale individua per il Festival delle Nazioni nell’ambito della politica più generale delle manifestazioni culturali umbre”.

IN SINTESI
Per il consigliere regionale del Partito democratico Michele Bettarelli l’assenza della Presidente e della Giunta regionale dell’Umbria alla 53esima edizione del Festival delle Nazioni è stata “surreale”, dopo aver “reclamato e ottenuto rappresentanti della Regione nel Consiglio di amministrazione. Bettarelli annuncia un’interrogazione per chiedere “quale potrà essere il ruolo che questa Giunta Regionale individua per il Festival delle Nazioni nell’ambito della politica più generale delle manifestazioni culturali umbre”. 

“Ci sono manifestazioni ed eventi importanti per questa Regione – spiega Bettarelli – ricchi di storia, che hanno scelto in questa estate di non fermarsi: uno di questi è il Festival delle Nazioni che, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, ha celebrato la sua 53esima edizione. Cinquantadue lunghi anni in cui si è sempre, e giustamente, registrata la presenza delle Istituzioni come atto di vicinanza e sostegno ad uno degli eventi culturali più celebri della nostra Regione.

Bettarelli
“Alquanto surreale – afferma Bettarelli – è stata invece quest’anno, nonostante gli inviti, l’assenza totale della Regione Umbria (della Presidente o della Giunta) socio fondatore dell’ente Festival. Un socio bizzarro la Regione, che prima, appena qualche mese fa, reclama rappresentanti nel consiglio di amministrazione e, dopo averli ottenuti, in un momento complicato in cui sarebbe stato quantomeno opportuno mostrare la vicinanza delle Istituzioni e soprattutto della Regione, ha scelto di non esserci”.

“Sarebbe stato opportuno – prosegue – che all’interesse nell’occupare le poltrone al momento giusto, avesse fatto seguito almeno pari interesse nel seguire uno degli eventi culturali più importanti della nostra Umbria che ha scelto quest’anno di non fermarsi, coinvolgendo nella programmazione, come sempre, tanti altri Comuni di questo territorio. “Presenterò a breve un’interrogazione – conclude Bettarelli – per chiedere quale potrà essere il ruolo che questa Giunta Regionale individua per il Festival delle Nazioni nell’ambito della politica più generale delle manifestazioni culturali umbre, un ruolo che possa testimoniare quella vicinanza per ora mostrata solo alle sue poltrone”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*