Le condizioni di Leo Cenci, anche oggi, restano gravi ma stazionarie

Le condizioni di Leo Cenci, anche oggi, restano gravi ma stazionarie

di Luana Pioppi
Le condizioni di Leo, anche oggi, restano gravi ma stazionarie
Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha chiesto informazioni sullo stato di salute del nostro Leo. Nel pomeriggio di ieri il fratello del presidente di Avanti Tutta, Federico, ha ricevuto una telefonata da parte di Claudio Sgaraglia, prefetto di Perugia, che, dopo aver espresso parole di vicinanza alla famiglia, gli ha portato anche gli auguri e le parole la stima espresse dal Capo dello Stato nei confronti di Leonardo.

Sempre nella giornata di ieri sono state molte le visite in ospedale, tra cui quella della senatrice Nadia Ginetti, con la quale l’associazione aveva anche collaborato per la realizzazione e la presentazione a Bruxelles del progetto Oncology Games. Parole di stima per Leonardo anche da Fabio Paparelli, vice presidente della Regione Umbria, che ha voluto scrivere una lettera fatta recapitare ai genitori, Sergio ed Orietta, che l’hanno molto apprezzata.

Ha chiesto sue notizie anche l’ex questore di Perugia, Francesco Messina, unito al presidente della onlus dalla passione per la corsa che con Leo aveva preso parte a varie gare podistiche organizzate nel territorio umbro e non solo.

Solidarietà per il “guerriero” – così ormai lo definiscono molti – anche dal Perugia Calcio. Oggi pomeriggio, in occasione della partita tra Perugia e Brescia, i biancorossi renderanno omaggio al nostro Leo entrando in campo indossando una maglia bianca, sopra la divisa ufficiale, con la scritta “Forza Leo”. Nel contempo anche la curva Nord esibirà degli striscioni in onore del presidente della onlus. Le condizioni di Leo, anche oggi, restano gravi ma stazionarie.

Commenta per primo

Rispondi