Incendio San Marco Perugia, due ustionati, bambina grave al Gemelli di Roma in rianimazione

anche gravi le condizioni di una donna del 1965 di origine straniera come la bambina


Scrivi in redazione

Incendio San Marco Perugia, due ustionati, bambina al Gemelli di Roma in rianimazione

Incendio San Marco Perugia, due ustionati, bambina grave al Gemelli di Roma in rianimazione

Sono molto gravi le condizioni di due persone rimaste ustionate gravemente ieri sera in un incendio avvenuto nella frazione di San Marco Perugia intorno alle 22:30. Si tratta di una bambina di cinque anni che ha riportato ustioni di secondo e terzo grado al volto e alle mani, la piccola dopo essere stata messa in sicurezza è stata trasferita con un’autoambulanza del 118 nella notte all’ospedale Gemelli di Roma dove si trova ora ricoverata in rianimazione, come riferisce Mario Mariano del Santa Maria della Misericordia.

SONO anche gravi le condizioni di una donna del 1965 di origine straniera come la bambina, che è stata messa in sicurezza all’ ospedale di Perugia , si trova anch’essa ricoverata in rianimazione.Non si conosce la dinamica dell’incidente domestico, sono intervenuti i Vigili del fuoco. Non è escluso si tratti di nonna e nipote.

L’incendio è avvenuto a San Marco, alle porte di Perugia, nonna (54 anni) e bimba (5) investite dalle fiamme mentre erano sedute sul divano. L’ipotesi è che l’incendio si sia sviluppato da una stufa, forse mentre era in fase di accensione. Magari a causa di un liquido infiammabile. La piccola avrebbe riportato ustioni di secondo e terzo grado. La nonna, seppure raggiunta dalle fiamme, è già fuori pericolo.

Nello stesso stabile, ma era al terzo piano (il fatto è accaduto al secondo ndr) c’era il papà della bambina e un altro figlio, per fortuna rimasti illesi. La casa, dove sono stati apposti i sigilli di sequestro, è oggetto di indagine della magistratura, insieme ai nuclei investigativi del vigili del fuoco e dei carabinieri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*