Finte assunzioni di detenuti, in Umbria diversi casi sospetti, ecco come funzionava

 
Chiama o scrivi in redazione


Finte assunzioni di detenuti, in Umbria diversi casi sospetti, ecco come funzionava

Finte assunzioni di detenuti, in Umbria diversi casi sospetti, ecco come funzionava

Sono 90 i casi sospetti in Umbria. Si tratta di detenuti che venivano assunti in aziende in perdita con cantieri fermi e inesistenti. E quanto detto ieri dal procuratore generale Fausto Cardella, durante la conferenza stampa di fine anno.

Situazioni che hanno destato sospetto e che hanno spinto ad ulteriori verifiche. Ci sono anche casi definiti «colletti bianchi». Da maggio ad oggi, su 160 istanze presentate al Tribunale di Sorveglianza sono stati approfonditi i profili di circa 90 richiedenti. Oltre la metà sono assunzioni sospette, che necessitano di approfondimenti.

Le indagini sono state condotte in prima persona dal sostituto procuratore generale Claudio Cicchella e dai finanzieri Ciro Stabile ed Oscar Cardone dell’Ugeco. Aziende che assumono fittiziamente detenuti per ottenere sgravi fiscali e poi i detenuti stessi che per 8 ore al giorno possono andare liberi per proprio conto invece che stare in carcere o effettivamente a lavorare nell’ottica di un percorso di progressiva riabilitazione alternativo alla detenzione.

Si va dal bancarottiere che va a lavorare nell’azienda aperta dal figlio, al condannato per droga albanese assunto da un connazionale a capo di un’azienda edile che probabilmente rappresenta solo una copertura per affari illeciti e che ha precedenti penali. Il contributo al Tribunale di Sorveglianza vuole essere quello di verificare che l’assunzione sia effettiva ed effettivamente alternativa al carcere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*