Grandi derivazioni idroelettriche, giunta regionale preadotta proposta di legge su concessioni

vicepresidente morroni: innalzamento della sostenibilità ambientale e maggiori introiti a beneficio dei territori

Blocco esportazioni dall’est Europa, già in campo nuove misure di sostegno

Grandi derivazioni idroelettriche, giunta regionale preadotta proposta di legge su concessioni

“La Giunta regionale ha preadottato una proposta di legge in materia di assegnazione delle concessioni di grandi derivazioni idroelettriche che introduce modifiche significative in un settore cruciale quale quello della produzione di energia dalle risorse idriche, con due obiettivi chiave: il perseguimento della massima sostenibilità ambientale e, tramite la rimodulazione dei canoni, la garanzia di maggiori introiti a beneficio dei territori”. Il vicepresidente della Regione Umbria e assessore all’Ambiente, Roberto Morroni, rimarca così l’importanza del disegno di legge che, con la preadozione di oggi, inizia l’iter che porterà alla nuova legge regionale, coerente con e in attuazione delle normative europee e nazionali che prevedono, tra l’altro, l’espletamento di gare con procedure a evidenza pubblica per l’individuazione degli operatori economici.


Regione Umbria


“Il principio che permea il provvedimento legislativo – spiega Morroni – è quello di coniugare l’uso di un bene pubblico, fonte energetica rinnovabile quanto mai strategica, con la tutela e il miglioramento ambientale e le ricadute positive per il territorio regionale e, in particolare, di quei Comuni dove sono ubicati gli impianti. In Umbria sono nove quelli che possono essere annoverati fra le grandi derivazioni, per la quasi totalità in provincia di Terni, due dei quali con concessioni già scadute e per gli altri sette con scadenza al 2029”.

“Novità rilevanti riguardano la rideterminazione dei canoni a carico dei titolari di concessioni, a partire da quest’anno, che farà confluire – evidenzia Morroni – maggiori introiti nelle casse regionali. La componente fissa sale da 32,63 a 40 euro per kW e, considerando che i kW di potenza delle concessioni di grandi derivazioni idroelettriche in Umbria sono oltre 251.500 kW, si prevede un ammontare di entrate superiore a 10 milioni di euro, con un aumento di circa 1,7 milioni di euro rispetto alla situazione attuale. Per la parte variabile del canone, invece, la Regione applicherà la percentuale del 2,5% del valore dei ricavi calcolati sulla produzione annua a consuntivo delle centrali e il prezzo di mercato dell’energia: si può stimare una ulteriore entrata di circa 1 milione di euro, che oggi non esiste, a partire dal 2023. Infine, poco meno di 400 mila euro annui – aggiunge l’assessore – entreranno nelle casse regionali dal canone accessorio a carico dei concessionari uscenti per gli impianti che hanno la concessione già scaduta, che nella proposta di legge abbiamo fissato in misura pari a 30 euro per kW, in analogia ad altre Regioni”.

“Nel definire la proposta di legge, come Giunta regionale abbiamo compiuto una precisa scelta – evidenzia Morroni – avvalendoci della facoltà, data dalla norma quadro statale, di inserire l’obbligo per i concessionari di fornire annualmente e gratuitamente 220 kWh per ogni kW di potenza nominale media di concessione e anche la possibilità di monetizzare il valore dell’energia: una somma rilevante, che si può calcolare attorno a circa 2,7 milioni di euro annui, che verrà destinata a interventi di sostenibilità ambientale”.

Risorse “che si aggiungono a quelle, accresciute, che il disegno di legge regionale riserva ai cinque Comuni in cui ricadono le attività degli impianti di grandi derivazioni di acque pubbliche a uso idroelettrico: Terni, Narni, Cerreto di Spoleto, Baschi e Alviano. La Giunta regionale viene, infatti, autorizzata ad attribuire annualmente a questi Comuni, dal 2022, una quota pari al “35% della componente fissa dei canoni”, da impiegare per interventi di manutenzione ordinaria delle strade, per il decoro urbano, incluso l’arredo urbano e il verde pubblico, per il potenziamento della dotazione di infrastrutture sportive, per la realizzazione di grandi eventi e manifestazioni”.

“Grazie ai maggiori incassi permessi dalla riforma, inoltre – prosegue Morroni – la Regione potrà contare su ulteriori canali di finanziamento per progetti decisivi, come il Piano regionale di tutela delle acque, la nuova legge di protezione civile, il sistema dei Parchi regionali”.

“A questa proposta l’Assessorato regionale ha lavorato, con grande impegno, da mesi. Arriva a compimento ora – rileva ancora Morroni -, dopo un lungo processo di formazione e strutturazione, in quanto abbiamo voluto attendere gli esiti di contenziosi su leggi in materia di altre Regioni, sorti con il Governo, quale bussola per poter poi procedere speditamente all’esecuzione della legge, una volta che verrà formalmente approvata al termine dell’iter partecipativo e in sede di Assemblea legislativa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*