Sviluppumbria, Carbonari M5s, negati documenti su personale e costi

In aggiunta il 20 ho chiesto di conoscere il tipo di contratto dell’attuale e del precedente direttore generale di Sviluppumbria

Sviluppumbria, Carbonari M5s, negati documenti su personale e costi

Sviluppumbria, Carbonari M5s, negati documenti su personale e costi

“Sono due mesi che cerco di avere informazioni ex art 58 Statuto Regione Umbria su come funziona Sviluppumbria – spiega la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Maria Grazia Carbonari –  in particolare sul numero del personale assunto a tempo indeterminato, determinato e collaboratori e  sui rimborsi per le missioni e le trasferte percepiti da ciascun dipendente”. Per ben due volte Sviluppumbria ha passato la palla alla presidenza dell’Assemblea legislativa, negando l’accesso ad informazioni e documenti – prosegue la Carbonari – che dovrebbero far luce su assunzioni e trattamenti economici dell’ente gestito dalla Regione.

Dalla sezione della trasparenza del sito internet, risultano incrementi tra il 2015 e il 2017 di personale e di costi sia delle aree professionali che dei quadri. Ciò avvalora le perplessità sulle regolarità di assunzioni, considerata l’assenza di concorsi pubblici e sulle diversità di trattamenti contrattuali ed economici riservati negli anni ai vari collaboratori.

“Nello specifico in data 19 gennaio 2018 ho presentato – spiega Carbonari – la prima richiesta di informazioni in merito a tre punti e cioè di conoscere l’elenco di tutto il personale a partire dall’anno 2007 a oggi con indicazione di ogni tipo di contratto e relativo bando di concorso legato all’assunzione, l’elenco del personale dipendente e collaboratori entrato a far parte dell’organico di Sviluppumbria in seguito all’assorbimento di società ed enti, e infine l’indicazione delle somme percepite da ciascun dipendente come rimborsi, diaria o qualunque altro titolo legato a missioni e trasferte”.

In aggiunta il 20 ho chiesto di conoscere il tipo di contratto dell’attuale e del precedente direttore generale di Sviluppumnbria . In merito a questo punto Sviluppumbria ha rimandato ai dati consultabili sul sito.

Per il resto delle informazioni, un divieto assoluto e un rimpallo alla presidenza dell’Assemblea Legislativa. Alla faccia della trasparenza e della correttezza istituzionale. Con questo diniego si impedisce ere e far conoscere ai cittadino come funziona e come è gestita la più importante delle società partecipate dalla Regione e nello stesso tempo si impedisce alla sottoscritta di svolgere il proprio mandato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*