Tampone contro Coronavirus direttamente in auto drive-thru, ecco come funziona

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, tampone auto drive-thru, ecco come funziona

Coronavirus, tampone auto drive-thru, ecco come funziona

“Tampone auto drive-thru” per implementare e migliorare l’attività di mappatura dei soggetti Covid-19 sospetti. A seguito dell’emergenza COVID-19, si segnalano alcune iniziative attuate sia dalla Regione Marche che della Regione Emilia Romagna per migliorare la mappatura dei soggetti potenzialmente infetti. I progetti prevedono d’estendere l’esecuzione del tampone in auto, in un’area dedicata e presidiata, per tutti coloro che sono stati a stretto contatto con persone risultate COVID-19 positive e per questo attualmente posti in quarantena. Si tratta di effettuare il tampone all’interno della propria auto ma con procedure diverse rispetto a quelle standard eseguite in ospedale o a domicilio. In pratica, attraverso la targa dell’auto della persona COVID-19 sospetta, avviene il riconoscimento del soggetto che deve effettuare il controllo microbiologico.

Una volta ferma l’autovettura sul luogo individuato, l’operatore sanitario controlla che il soggetto indossi mascherina e guanti mentre l’operatore della Polizia Locale verifica la targa e la proprietà del mezzo, nonché l’identità della persona mediante documento (es. C.I. o patente di guida); in seguito al riconoscimento, viene eseguito il tampone di circostanza. Questa procedura permette di risparmiare tempo di lavoro e minimizzare i rischi per gli operatori dedicati alla mappatura dei casi sospetti, inoltre rende possibile la riduzione dell’uso dei DPI. I primi dati dichiarati dalla Regione Marche, Comune di Fabriano, sottolineano un risparmio netto in consumo di DPI superiore al 70%. Questa modalità di esecuzione rende concreta la possibilità di organizzare in maniera coordinata l’incontro del soggetto COVID-19 sospetto e il Servizio di Igiene in postazioni allestite e sicure.

L’esito del tampone poi verrà notificato al soggetto che continuerà a mantenersi in regime di sorveglianza. Il programma prevede di stabilire luogo e giorno in cui Polizia Locale e Servizio di Igiene effettueranno i controlli e i tamponi richiesti. I soggetti COVID-19 sospetti vengono avvertiti telefonicamente i giorni precedenti all’esecuzione del tampone per accertare condizioni fisiche e la possibilità di raggiungere il luogo preposto al controllo. Alla luce di quanto indicato, si richiede agli Enti citati di prendere in considerazione tale proposta e di renderla operativa nel più breve tempo possibile, al fine di implementare strategie volte al contenimento del contagio e alla mappatura dei soggetti a rischio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*