Bori (PD): ricostruzione, ora progettazione congiunta per rilancio economico

Bori (Pd): “Verificare mancanza dei farmaci salvavita, intervenire subito", "sarebbero in esaurimento nelle scorte delle Asl dell’Umbria”.

Bori (PD): ricostruzione, ora progettazione congiunta per rilancio economico

“Le ordinanze varate dal commissario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, sono provvedimenti provvidenziali che permetteranno di far arrivare fino a 160 milioni di euro di finanziamenti per i comuni del cratere e, nello specifico degli ultimi provvedimenti, per il recupero degli ospedali e dei poli scolastici di Norcia e Cascia, per l’abbazia di Sant’Eutizio di Preci e per Castelluccio”.

Così il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Bori, che esprime un “plauso nei confronti del Commissario alla Ricostruzione che sta andando avanti a lavorare e ha cercato di ridurre al minimo i disagi che, nel processo della ricostruzione, potevano arrivare da ostacoli come la pandemia e le conseguenti misure anticontagio”. “Ora – spiega Bori – è fondamentale coinvolgere i professionisti locali.

LEGGI ANCHE – “Riorganizzare la rete di emergenza-urgenza anche in vista nuova fase critica emergenza covid-19”, Bori (Pd) annuncia mozione

È in corso come da noi auspicato, un cambio di passo fondamentale e strategico in virtù nel prosieguo del processo di ricostruzione della Valnerina. Con questo nuovo slancio, l’impegno di tutte le Istituzioni e in primo luogo del Commissario alla Ricostruzione, è quello di rispondere alle esigenze dei cittadini della Valnerina e di tutti gli altri comuni terremotati. Per questo vogliamo ringraziare il Commissario Legnini, che sarà ospite della nostra ‘Agorà’ interregionale sulla ricostruzione.

LEGGI ANCHE – “Riorganizzare la rete di emergenza-urgenza anche in vista nuova fase critica emergenza covid-19”, Bori (Pd) annuncia mozione

È tempo infatti di ultimare non solo la ricostruzione materiale ma anche mettere in campo azioni di rilancio economico, sociale, turistico e culturale. Questo è il nostro obiettivo – conclude Bori – e questo vogliamo fare, lavorando insieme a tutti i soggetti interessati, in tutto in Centro Italia, per dare le gambe al ‘Cantiere Centro Italia’ per ragionare congiuntamente e con sinergia”. RED/dmb link alla notizia: http://www.consiglio.regione.umbria.it/node/70059

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*