Emergenza Covid-19, Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiore sicurezza per lavoratrici e lavoratori

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza Covid, Cgil, Cisl e Uil: più sicurezza per i lavoratori in appalto

Emergenza Covid-19, Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiore sicurezza per lavoratrici e lavoratori

“Una parte delle importanti risorse messe a disposizione dall’Europa – Mes incluso – e dallo Stato centrale, per potenziare e sostenere il sistema sanitario pubblico, va destinata alla vasta e poco considerata rete degli appalti (pulizie, sanificazione, mense, assistenza socio-sanitaria, etc.) perché anche questo è un meccanismo fondamentale dell’ingranaggio salute”. Ad affermarlo in una nota congiunta sono Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria che sottolineano come il tema della salute e sicurezza di lavoratrici e lavoratori degli appalti – decine di migliaia in Umbria – sia assente dal dibattito pubblico: “In una regione come la nostra – scrivono i sindacati – nella quale non è mai stata varata una legge sugli appalti, né siglato alcun protocollo regionale, dove le gare vengono vinte sempre al massimo ribasso e non vi è spesso alcun controllo dopo l’assegnazione dell’appalto stesso, il tema della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori in appalto diventa cruciale. E lo è tanto più in questa emergenza Covid, in cui sono le aziende appaltatrici a doversi accollare i costi della messa in sicurezza del proprio personale, con capitolati di appalto che spesso hanno margini risicati se non assenti. Ma una semplice smagliatura della rete di sicurezza metterebbe a rischio sia la salute del lavoratore che quella del cittadino utente”.

Cgil, Cisl e Uil regionali – che nel documento “L’Umbria riparte dal lavoro”, presentato lo scorso 13 ottobre a Perugia, hanno dedicato una scheda specifica proprio al tema appalti – credono che sia questo il momento per intervenire: “Vengano istituiti tavoli di monitoraggio della situazione di contagio per ogni ente pubblico appaltante – affermano i sindacati – si proceda alla verifica dei protocolli di sicurezza e della sostenibilità economica dell’appalto stesso, tenendo conto delle nuove necessità di strumenti per la tutela individuale di ogni singolo lavoratore”.

“La lotta al Covid-19 – concludono i sindacati – non può prescindere dal mettere in sicurezza anche i lavoratori cosiddetti invisibili, perché il virus a differenza della nostra società ci vede benissimo e non fa differenze”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*