Farchioni sponsor Umbria Jazz al Santa Giuliana Raye e Cha Wa

L’azienda Farchioni 1780, nota per i suoi prodotti di qualità, sostiene Umbria Jazz

Farchioni sponsor Umbria Jazz al Santa Giuliana Raye e Cha Wa

Farchioni sponsor Umbria Jazz al Santa Giuliana Raye e Cha Wa

Farchioni sponsor Umbria Jazz – Il 23 maggio 2024, a Milano, Farchioni 1780, un rinomato gruppo alimentare umbro, ha annunciato il suo sostegno a Umbria Jazz, uno dei festival jazz più prestigiosi a livello internazionale. Questa mossa è in linea con la visione dell’azienda: “Il futuro è nelle nostre radici”. Farchioni 1780, noto per i suoi prodotti di alta qualità come l’olio extravergine umbro, il Sagrantino, la birra artigianale e le farine di grani autoctoni, ha deciso di investire in un’altra eccellenza del territorio: la musica jazz.

La collaborazione tra Farchioni 1780 e Umbria Jazz è regolata da un contratto di sponsorizzazione che guarda al futuro. Non si tratta di una semplice mossa di marketing, ma di un impegno a lungo termine che prevede almeno tre anni di collaborazione. Durante questo periodo, le due entità sperimenteranno insieme nuove modalità di interazione, a beneficio della comunità locale, del pubblico del festival e dei visitatori che sceglieranno l’Umbria come destinazione. L’obiettivo è sostenere la qualità dell’offerta culturale del territorio per continuare a crescere, rimanendo fedeli alle proprie radici.

La presenza di Farchioni 1780 al festival sarà evidente in vari luoghi e assumerà diverse forme. Dai ristoranti del circuito che offriranno degustazioni di olio Evo, alla classica esposizione del marchio nei materiali di comunicazione. Ma la sorpresa più grande per il pubblico sarà l’appuntamento più atteso del programma di sponsorizzazione: il 14 luglio in Arena Santa Giuliana con Raye, una delle autrici emergenti più amate, e la band funky Cha Wa.

In questo modo, Farchioni 1780 dimostra il suo impegno non solo nella produzione di alimenti di qualità, ma anche nel sostegno alla cultura e all’arte locali, contribuendo a rendere l’Umbria una destinazione ancora più attraente per i visitatori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*