Saldi invernali, i commerciati sperano di rifarsi e recuperare

 
Chiama o scrivi in redazione


Saldi estivi anche in Umbria dal primo di luglio  

Saldi invernali, i commerciati sperano di rifarsi e recuperare

I saldi in Umbria, ancora arancione, sono iniziati ieri 9 gennaio e i commercianti si giocano questa carta per recuperare i fatturati perduti a causa del lockdown. La speranza di tornare presto la normalità è ancora accesa e gli sconti sono un opportunità da non lasciarsi sfuggire. Il cuore verde d’Italia, contagi da coronavirus permettendo, dovrebbe tornare zona gialla. Come sempre, i saldi avranno una durata di 60 giorni e si concluderanno il 10 marzo prossimo. I ribassi mantengono le quote di sempre: dal 30 al 50 per cento, in alcuni casi si arriva al 70.

© Protetto da Copyright DMCA

“Si tratta di un appuntamento sempre importante per le nostre imprese, ma quest’anno lo sarà ancora di più”, commenta Carlo Petrini, presidente di Federmoda Umbria Confcommercio. “I consumatori hanno la possibilità di poter contare su una offerta ricca ed importante, con sconti molto alti e appetibili da subito. Noi confidiamo molto sulla risposta positiva da parte dei nostri clienti, perché le imprese di questo settore stanno soffrendo in modo pesantissimo le conseguenze delle restrizioni imposte dalla pandemia e hanno bisogno di liquidità per poter sopravvivere oltre l’emergenza che ci ha travolto. E’ vero che anche il 2021 si è aperto all’insegna dell’incertezza, che sta condizionando ogni momento della nostra vita e il futuro delle nostre attività. Ma noi ci auguriamo di poter lavorare nei prossimi giorni nella massima serenità, garantendo ai nostri clienti tutte le misure di sicurezza imposte dalla situazione eccezionale che stiamo vivendo. Molti dei nostri negozi, anche quelli di più piccole dimensioni, stanno cominciando ad attrezzarsi per raggiungere i loro clienti anche attraverso l’online, utilizzando il digitale e le competenze che Confcommercio Umbria da anni sta disseminando tra gli imprenditori, con una intensificazione importante anche attraverso lo Sportello Innovazione EDI. Per noi, oggi più che mai, nel negozio fisico anche supportato dagli strumenti online, vale lo slogan che abbiamo coniato per sostenere le piccole attività, che offrono un servizio insostituibile al territorio e mantengono vive le comunità: #comprosottocasa perché mi sento a casa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*