Aeroporto, M5s Umbria, prospettive incerte, Sase e regione facciano subito chiarezza

Profilo fake su Aeroporto dell'Umbria, la smentita di Sase

Aeroporto, M5s Umbria, prospettive incerte, Sase e regione facciano subito chiarezza. “Intorno alla fine di agosto i vertici di Sase (società che gestisce l’aeroporto regionale ‘San Francesco di Assisi’) e Sviluppumbria saranno auditi in II Commissione, ma ci sono domande che devono ottenere subito risposta, prima di perdere la stagione turistica in corso, oltre che quelle a venire”.

Lo dichiarano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Maria Grazia Carbonari e Andrea Liberati, spiegando che “il bilancio 2017 di Sase parla chiaro: i ‘ricavi da vendite e prestazioni’ sono stati di 2,7 milioni di euro, rispetto a costi totali per 4,6 milioni di euro. Una voragine coperta con ‘contributi in conto esercizio’ per 2,2 milioni di euro, provenienti da ‘erogazioni ricevute da Camera di commercio di Perugia, Sviluppumbria ed enti ad essa collegati’. Ecco come nasce l’utile propagandato”.

Carbonari e Liberati ricordano inoltre che “nel bilancio 2016 di Sase si legge ‘come indicato dagli amministratori, il presupposto della continuità aziendale deve essere assicurato … dall’apertura della compagine sociale a nuovi soci privati’: un tale atteggiamento dei dirigenti appariva quantomeno curioso”.

LEGGI ANCHE: Voli Aliblue Malta, aeroporto di Perugia dice no, chiusa ogni forma di trattativa

A questo proposito gli esponenti dell’opposizione evidenziano che “appena un mese fa la Giunta ha risposto ad una nostra interrogazione nella quale chiedevamo chiarimenti circa la manifestazione d’interesse del fondo austriaco Cudos nei confronti dell’aeroporto San Francesco D’Assisi.

Il Fondo sosteneva di poter portare 1,2 milioni di passeggeri entro il 2025 e lamentava l’interruzione delle trattative da parte di Sase prima ancora che si potesse formalizzare una offerta. L’assessore Antonio Bartolini ha giustamente puntualizzato in Aula che ‘la scelta di un partner privato è soggetta a gare europee, non al diritto nazionale. Va seguita la strada della procedura aperta’, aggiungendo però che ‘non è pervenuta un’offerta ufficiale negli ultimi tre anni’. Troviamo curioso che possano arrivare ‘formali offerte’ se vi fosse poi una chiusura di Sase.

Sarebbe perciò utile un po’ di chiarezza: l’aeroporto verrà aperto a soci privati oppure resterà pubblico? Nella prima ipotesi le gare pubbliche quando e a quali condizioni verranno bandite? Nella seconda dove verranno trovati i soldi dai soci pubblici di Sase?” Infine Maria Grazia Carbonari e Andrea Liberati citano una “inquietante indiscrezione di stampa secondo cui ‘il presidente di FlyVolare, tornato libero dopo gli arresti (inchiesta per bancarotta e riciclaggio della procura di Modena), potrebbe riproporsi con altri imprenditori’ all’aeroporto. Visti i recenti scandali con voli cancellati e 250mila euro euro ancora mancanti, ci auguriamo che i vertici di SaseE possano subito smentire la notizia. E anche assicurarci che per il futuro si faranno accordi con soggetti di alta reputazione”.

Commenta per primo

Rispondi