Nel weekend la prima perturbazione del 2020, freddo e neve

Domenica temperature in calo a partire dal Centro-nord

Nel weekend la prima perturbazione del 2020, freddo e neve

Nel weekend la prima perturbazione del 2020, freddo e neve

Si sposterà domani su Triveneto, gran parte delle regioni centrali e quelle del basso Tirreno, la prima perturbazione dell” anno, che oggi ha raggiunto l” Italia a partire dal Nordovest. Secondo le previsioni di Lorenzo Badellino, meteorologo di 3bmeteo.com, al seguito della perturbazione inizieranno ad affluire correnti più fredde da Nordest, di lontana estrazione russa, che determineranno un calo delle temperature domenica a partire dalle regioni del Centronord.

Contemporaneamente si avrà anche un peggioramento sul versante adriatico con qualche pioggia o nevicata anche a quote collinari. In dettaglio, domani si registrerà un miglioramento al Nordovest, in giornata anche sulla Lombardia, mentre i fenomeni si trasferiranno rapidamente verso il Nordest intensificandosi su Veneto e Friuli; piogge e rovesci sono previsti in intensificazione anche sulle centrali tirreniche, Umbria e Marche, ma in attenuazione in giornata.

La quota neve sarà intorno a 700/800m su Alpi orientali, 700/1000m sull” Appennino settentrionale, 1000/1300m su quello centrale. Inizieranno a calare le temperature al Centro-Nord.

Domenica si avranno schiarite prevalenti su Alpi, Nordovest, regioni del versante tirrenico e Sicilia pur con alcune velature e stratificazioni alte. Sarà più nuvoloso in Sardegna, pianure del Triveneto, Emilia Romagna, regioni adriatiche e Calabria ionica con qualche debole pioggia su Marche, Molise e alta Puglia o nevicata sulla dorsale adriatica dai 500/700m.

Le temperature saranno in generale diminuzione, soprattutto dall” inizio della nuova settimana. Per quanto riguarda la prossima settimana, dopo una prima parte instabile e fredda, entro mercoledì l” espansione dell” alta pressione dall” Atlantico all” Europa centrale favorirà un generale miglioramento, ma permarranno temperature basse al Nord.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*