Recovery plan e piano rifiuti, assessore Morroni risponde a consigliere De Luca

 
Chiama o scrivi in redazione


Roberto Morroni, Covid, offerta prova di maturità politica 

Recovery plan e piano rifiuti, assessore Morroni risponde a consigliere De Luca

L’assessore all’Ambiente della Regione Umbria, Roberto Morroni, risponde al consigliere regionale Thomas De Luca: “Il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle non perde occasione per testimoniare la sua irresistibile inclinazione verso un’opposizione viziata da una foga polemica e propagandistica che lo conduce spesso e volentieri a mistificare fatti e circostanze.

© Protetto da Copyright DMCA

Al momento, nella vicenda del Recovery Plan, l’unica questione “Top secret” è la volontà del Governo circa le scelte che dovranno caratterizzare l’utilizzo dello straordinario piano di aiuti messo in campo dall’Unione europea e, più in particolare, quale ruolo in questo contesto intende assegnare alle Regioni.

Uno stato confusionale, quello della maggioranza di Governo, sfociato nella crisi che si è aperta in queste ore.

Nelle scorse settimane, pur in un quadro di assoluta incertezza, caratterizzato dall’assenza di riferimenti puntuali riguardo l’entità delle risorse e l’eventuale funzione di programmazione riservata, ogni Regione ha provveduto, su richiesta della Conferenza Stato-Regioni, ad inviare un compendio di progetti, coerenti con le linee di indirizzo della politica europea, con le missioni del Recovery Plan e le sue tempistiche attuative, senza valutazioni di carattere politico e strategico rinviate ad una successiva fase di approfondimento e confronto.

Anche l’Umbria ha assolto tale compito.

Con riferimento agli interventi richiamati nella nota del consigliere De Luca è necessario sottolineare quanto segue: non vi è alcuna previsione di realizzazione di un nuovo impianto di incenerimento a Terni e stupisce come il rappresentante dei 5 Stelle non colga, intenzionalmente o per disinformazione, la differenza rispetto ad un impianto per l’essiccamento dei fanghi prodotti dagli impianti di depurazione delle acquee reflue urbane; impianto in grado di generare gas con il quale produrre energia elettrica. Al pari, risulta del tutto fuori luogo l’intento del consigliere dei 5 Stelle di gridare: “Al lupo, al lupo” in merito alle tre ipotesi progettuali riguardanti la produzione, all’interno degli impianti di trattamento, di CSS combustibile.

Il consigliere De Luca non dovrebbe ignorare la condizione di progressivo esaurimento in cui versano le discariche della nostra regione e le enormi criticità che discendono da questo stato di cose. Questo è senza dubbio uno dei problemi principali tra quelli che oggi affliggono il sistema di gestione dei rifiuti in Umbria, pesante eredità delle politiche seguite negli ultimi dieci anni, ed è oggettivo l’apporto positivo che l’eventuale produzione di CSS combustibile può determinare nell’abbattimento delle quantità di rifiuti da smaltire in discarica.

Vorrei, tuttavia, rassicurare il consigliere De Luca che questi temi saranno oggetto di un ampio e approfondito confronto nell’ambito della definizione del nuovo piano dei rifiuti al quale la nuova Giunta sta lavorando e che sarà nel corso di quest’anno al centro dei lavori dell’Assemblea legislativa regionale. Anche sul fronte del Recovery Plan, come preannunciato dalla Presidente Tesei nei giorni scorsi, l’esecutivo ha programmato l’avvio di un confronto con le forze politiche di maggioranza, con quelle di opposizione e con le rappresentanze sociali ed economiche, al fine di giungere all’individuazione delle scelte prioritarie per dare impulso e qualità allo sviluppo dell’Umbria”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*