Perseguita ex moglie e i suoi parenti, agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico

 
Chiama o scrivi in redazione


Perseguita ex moglie e i suoi parenti, agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico
foto Repubblica

di Martina Rastelli
Perseguita ex moglie e i suoi parenti, agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.
I poliziotti del Commissariato di Città di Castello hanno arrestato un tifernate 44enne per maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori, ad inizio anno.

L’uomo era già agli arresti domiciliari, ordinati dal G.I.P. del Tribunale di Perugia.

Il 44enne si è reso responsabile di una serie di azioni violente e minacce nei confronti della moglie e dei suoi familiari, continuate anche dopo la loro separazione .

LEGGI ANCHE: Abbandona moglie e figlio in povertà e li minaccia, braccialetto elettronico per un tunisino

Il Commissariato di Città di Castello ha emesso il divieto di avvicinamento all’ex moglie a Febbraio, dopo ripetute denunce dai parte dei familiari, e a Marzo ha emesso la misura della detenzione domiciliare da parte dell’Autorità Giudiziaria.

Il tifernate è stato arrestato a giugno fino a luglio, mese in cui ha ripreso la sua libertà con obbligo di dimora e divieto di avvicinamento alla ex moglie.

L’uomo, in possesso della sua libertà, non esitò a perseguitare e minacciare sia la donna che i parenti di lei, rendendogli la quotidianità invivibile.

Il G.I.P. del Tribunale di Perugia ha emesso, nei giorni scorsi, un ennesimo provvedimento cautelare degli arresti domiciliari per il 44enne, con applicazione del c.d. “braccialetto elettronico” per controllare i suoi spostamenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*