Manu Chao, parco del Monte Cucco a Controvento, o green pass o niente

L'organizzazione farà fare tamponi a 16 euro l'uno per entrare

Manu Chao al parco del Monte Cucco a Suoni Controvento, o green pass o niente

Manu Chao al parco del Monte Cucco a Suoni Controvento, o green pass o niente

In occasione del concerto di Manu Chao, come annunciato ieri sui social dagli organizzatori, l’Associazione Umbra della Canzone e della Musica d’Autore – prima realtà a compiere un’operazione simile in Umbria – in collaborazione con il Gruppo Casa di Cura Liotti Spa Perugia e l’Istituto Analisi cliniche Minerva di Perugia offrirà ai partecipanti l’opportunità di effettuare un tampone rapido valido per 48 ore al prezzo speciale di € 15,00. Previa prenotazione al numero 075. 5735294 sarà possibile effettuare il tampone: venerdì 6 agosto dalle ore 14.30 alle 18.00 presso l’Istituto Minerva (via Fratelli Pellas, 50 – Perugia) oppure sabato 07 agosto dalle ore 10.30 alle 14.00 al varco di Costacciaro, presso il punto di accesso al Monte Cucco del Festival.

Ancora pochi giorni, quindi, e finalmente sabato 7 agosto il cantastorie cittadino del mondo che ha ispirato milioni di musicisti in tutto il globo, icona culturale celebre per il suo impegno civile e sociale, Manu Chao arriverà – per gli eletti dotati del “Green pass” – a Pian di Spilli (Parco Regionale del Monte Cucco) con l’unica tappa umbra del suo “El Chapulín Solo – Manu Chao Acústico”, nell’ambito della quinta edizione di Suoni Controvento, festival estivo di arti performative promosso da AUCMA.

Manu Chao nasce a Parigi da genitori spagnoli scappati in Francia per fuggire dalla dittatura spagnola. Trascorre un’infanzia circondato da artisti in fuga, che trovano spesso rifugio nella casa dei genitori. A metà anni Ottanta fonda i Mano Negra, gruppo d’avanguardia che canta in francese, inglese e spagnolo, fondendo culture e stili differenti, come rock, punk, reggae, rap e musica iberica. Nel 1998 con “Clandestino” arriva il successo mondiale.

È il suo debutto solista, i cui temi sono la fuga e i diritti umani e in cui dominano ritmi africani e sudamericani. “Clandestino” raggiunge una fama planetaria e rappresenta per tantissimi giovani un simbolo dell’impegno sociale e civile che può avere la musica e del quale Manu Chao si è fatto portatore. Ad oggi Manu Chao è considerato uno degli artisti più liberi, non conformi alle regole del mercato, una vera icona musicale e culturale.

Suoni Controvento è inserito nel “KeepOn Experience” Circuito KeepOn dei Festival ed è fondatore insieme a Suoni delle Dolomiti (Trentino), Musica sulle Apuane (Toscana), MusicaStelle Outdoor (Valle d’Aosta), Paesaggi Sonori (Abruzzo), RisorgiMarche (Marche), Suoni della Murgia (Puglia), Time in Jazz (Sardegna) della Rete dei Festival Italiani di Musica in Montagna.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*