Viabilità in Valnerina, la sistemiamo sì o no? Mancini e Fiorini alla Giunta

HA RISPOSTO ASSESSORE CHIANELLA, FIORINI INSODDISFATTO

Viabilità in Valnerina, la sistemiamo sì o no? Mancini e Fiorini alla Giunta

Viabilità in Valnerina, la sistemiamo sì o no? Mancini e Fiorini alla Giunta

Nella seduta odierna dell’Assemblea legislativa, dedicata alla discussione delle interrogazioni a risposta immediata (question time), i consiglieri regionali Emanuele Fiorini e Valerio Mancini (LN) hanno chiesto alla Giunta regionale quali sono i tempi previsti per la riapertura di “strada regionale Valnerina, SS 685 ‘Tre Valli Umbre‘, galleria di San Benedetto ‘Forca Canapine’ e viadotti annessi. Tutte vie di comunicazione importanti tra Norcia e Cascia, da e verso Visso, e con la regione Marche”. Fiorini, che ha illustrato l’atto ispettivo in Aula, ha sottolineato che “sono passati 10 mesi dalla prima scossa e ancora oggi si contano gli sfollati, gran parte delle macerie non sono state rimosse e anche la viabilità resta un’utopia.

Soltanto l’8 luglio scorso, parzialmente e e con limitazione orarie e a senso unico alternato, è stato riaperto il tratto di 20 chilometri della strada provinciale 477 tra Norcia e Castelluccio. La viabilità – ha sottolineato – rappresenta un traino essenziale per la rinascita delle zone della Valnerina colpite dal sisma sia per la sua ripopolazione e per il rilancio economico, soprattutto per il comparto turistico”.

Nella sua risposta l’assessore Giuseppe Chianella ha spiegato che “Anas è soggetto attuatore per gli interventi di messa in sicurezza e ripristino della viabilità delle regioni compite dal sisma. È stato redatto il programma degli interventi per superare le criticità presenti. Province e Comuni potevano anche opzionare gli interventi per se stessi, infatti la Provincia di Perugia, per la strada di Castelluccio, ha fatto questa scelta, riaprendola sebbene a senso unico alternato in alcuni tratti.

Per la galleria di S.Benedetto, il cantiere è stato consegnato e si prevede la riapertura nel febbraio 2018. Ci sono poi lavori urgenti sulla 685, su cui molti interventi sono già stati fatti. Per quanto riguarda la strada 209 (Preci-Visso), il tratto interrotto da frana è nella regione Marche e gli interventi dovrebbero terminare tra dicembre 2017 e giugno 2018. Il dinamismo della Giunta regionale su tutte le questioni relative al terremoto è stato sicuramente positivo ed ha permesso la riapertura di alcune vie di comunicazione”.

Il consigliere Fiorini si è detto “assolutamente insoddisfatto delle risposte ottenute, per le responsabilità della presidente Marini come vice commissario per la ricostruzione. Dopo quasi un anno dal primo sisma ancora si parla di progetti e verifiche. Non si può continuare in questo modo, con strade aperte a senso alternato. Ci sono forti ritardi nella ricostruzione, mancano le casette, le macerie sono sempre al loro posto. Bisognerà fare luce sugli appalti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*