Moschea Umbertide, consigliere Mancini inizia lo sciopero della fame [VIDEO]

Questo atteggiamento del Partito Democratico ha solo una connotazione politica: la reale intenzione di islamizzare la Regione Umbria

Moschea di Umbertide, Carabinieri e Finanza acquisiscono documenti in Comune

Moschea Umbertide, consigliere Mancini inizia lo sciopero della fame

UMBERTIDE – Valerio Mancini, consigliere regionale della Lega Nord, sulla questione della Moschea ad Umbertide, così come aveva annunciato ha iniziato lo sciopero della fame e l’occupazione dell’aula fino a venerdì 22 settembre (3 giorni che per Mancini indicano una valenza simbolica).

Nonostante questo ostruzionismo spicciolo, perseveriamo e vogliamo l’approvazione del documento che non chiude le porte a moschee o centri culturali islamici, ma invita ad una riflessione accurata e di buon senso attraverso l’attuazione di una moratoria sulle autorizzazioni e permessi. Da domani (Mercoledì ndr) – continua Mancini –  comincio lo sciopero della fame ed occupo il consiglio regionale, come forma di protesta per quello che è, di fatto, un mancato confronto e che attendo da oltre un anno.

La mozione era stata messa all’ordine del giorno della seduta precedente, ma la settimana scorsa non si è potuta discutere e il PD ieri ha abbandonato l’aula durante la presentazione dell’atto.

Ciò non è solo un’offesa all’atto della Lega, ma è un’offesa a tutti i cittadini. Questo atteggiamento del Partito Democratico ha solo una connotazione politica: la reale intenzione di islamizzare la Regione Umbria, impedendo di fatto quello che è un momento di riflessione e di libero arbitrio. Ringrazio tutte le forze di minoranza per l’attenzione datami ed attendo una presa di posizione da parte dei cittadini e dei consiglieri di Umbertide dove si sta costruendo la seconda moschea più grande in Italia. Così come dalla comunità di Marsciano che si è abilmente battuta contro il tentativo di costruire un altro centro culturale nella località di Ammeto”.

Moschea Umbertide, Valerio Mancini inizia lo sciopero della fame

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*