Decadenza di un consigliere comunale a Terni, dal sindaco nessun segno di discontinuità

 
Chiama o scrivi in redazione


Decadenza di un consigliere comunale a Terni, dal sindaco nessun segno di discontinuità.

Decadenza di un consigliere comunale a Terni, dal sindaco nessun segno di discontinuità. I fatti di queste ore che avrebbero portato alla decadenza di un consigliere comunale della maggioranza a seguito dell’istruttoria condotta dalla Prefettura di Terni sono un triste, ma alquanto prevedibile epilogo già preannunciato dal MoVimento 5 Stelle.

© Protetto da Copyright DMCA

L’avvertimento fu dato in campagna elettorale, quando chiedemmo all’allora candidato sindaco del centro destra Leonardo Latini di mostrare i certificati penali e dei carichi pendenti di chi tra i suoi alleati sarebbe entrato in consiglio comunale.

Richiesta ovviamente rispedita al mittente con tanto di accusa di essere i soliti forcaioli giustizialisti. In troppi in questa vicenda, che stando alle indiscrezioni giornalistiche potrebbe allargarsi ad altri eletti, non hanno visto questioni macroscopiche o peggior cosa hanno finto di non vedere, a cominciare dai vertici regionali di Forza Italia e allo stesso sindaco Latini.

Frattanto il presidente della IV Commissione di Garanzia e Controllo Thomas De Luca (M5S) aprirà una nuova istruttoria per fare piena luce sulle vicenda. Un fatto che mina profondamente la fiducia dei cittadini nelle istituzioni locali, una fiducia già lacerata dagli scandali delle inchieste giudiziarie della passata amministrazione.

Al momento ci troviamo costretti al triste riscontro che l’atteso segno di discontinuità, soprattutto per quello che riguarda la questione morale, con la passata gestione ancora non c’è stato ma piuttosto si registra una certa persistenza nel voler sottacere fatti e questioni che richiederebbero la massima trasparenza.

Gruppo Consiliare M5S Terni
Simonetti
De Luca
Pasculli
Pococacio
Fiorelli
Cozza
Braghiroli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*