Maria Teresa Severini ricorda Serena Innamorati, provo tanto dolore

 
Chiama o scrivi in redazione


Maria Teresa Severini ricorda Serena Innamorati, "tanto dolore"
Teresa Severini

Maria Teresa Severini ricorda Serena Innamorati, provo tanto dolore

Una notizia che mi ha profondamente addolorata, se ne è andata Serena Innamorati. Figura unica: attaccata intimamente a Perugia, inesauribile per volontà e idee, conoscitrice profonda – anche per vissuta consegna familiare – della storia e dell’anima della Città. La sua è stata una presenza vigile, attenta, positiva, universalmente stimata anche come studiosa delle vicende contemporanee di Perugia, a muovere per appassionata e civica tradizione dal Risorgimento: scrivendone con incessanti e scrupolose ricerche e con iniziative innovative, aperte e particolari. La Biblioteca Augusta ha a lungo beneficiato delle sue energie di funzionario esemplare, sempre orientate alla costruttività per quel patrimonio straordinario di cui ricordava a tutti l’orgoglio.

Serena Innamorati
© Protetto da Copyright DMCA

Ho scritto ufficialmente un comunicato stampa per ricordarla, ma non mi è sufficiente per esprimere lo sconcerto e il senso di vuoto. Ho avuto il piacere di condividere con lei, oltre un’amicizia di lunga data, e un’intesa immediata e intelligente, il suo entusiasmo. Inesauribile. Abbiamo molto lavorato insieme in questi anni di mio impegno pubblico ed ero così abituata ai nostri colloqui: lunghi o fugaci che fossero, erano sempre costruttivi.

Anche dopo la pensione, abbiamo insieme ripreso la pubblicazione dei Quaderni storici di Perugia, la catalogazione dell’Archivio Ciangottini, ed eravamo, grazie al suo lungo e paziente lavoro di trascrizione, ormai prossimi alla pubblicazione dell’epistolario dei Fratelli Pellas-che mi impegno a fare anche in suo ricordo-fintanto che non è sopraggiunta l’improvvisa e dirompente malattia. E di colpo, Serena non c’è piú, ma solo fisicamente..

Giunga ai familiari la costernata e affettuosa vicinanza mia, dell’Assessorato, del personale tutto della Biblioteca Augusta.
Teresa Severini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*