Pnrr Umbria: Presidente Tesei applaudita per una gestione esemplare

Un'indagine conferma che la Regione Umbria procede senza intoppi

L’Umbria vede aumento dell’occupazione: Tesei elogia i progressi

Pnrr Umbria: Presidente Tesei applaudita per una gestione esemplare

La Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha ricevuto elogi per la gestione impeccabile dei progetti Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), secondo quanto confermato da un’indagine condotta dalla Direzione Coordinamento Pnrr, sotto la guida di Luca Federici, in collaborazione con altre Direzioni e strutture regionali coinvolte negli investimenti Pnrr.

Un’indagine conferma che la Regione Umbria procede senza intoppi nell’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, dimostrandosi un esempio di buona pratica governativa

L’analisi ha rivelato che l’attuazione dei progetti Pnrr procede regolarmente, rispettando il cronoprogramma stabilito. Questo risultato positivo conferma la Regione Umbria come un esempio di buona pratica nell’intero processo, dalla fase progettuale all’intercettamento dei fondi e alla successiva attuazione.

Finora, l’Umbria ha ottenuto oltre 5,5 miliardi di euro di finanziamenti, comprendenti il Pnrr (oltre 3,6 miliardi), cofinanziamenti nazionali/regionali (1,3 miliardi), il Pnc (ulteriori risorse per gli obiettivi Pnrr) e il Pnc area Sisma e il Pnrr Sanità. Il 90% di questi fondi è destinato a 30 grandi opere, mentre la Regione è soggetto attuatore per circa 360 milioni nei progetti Pnrr, Pnc e Pnc area Sisma, salendo a quasi 470 milioni con l’inclusione dei progetti Pnrr Sanità. Gli Enti locali umbri gestiscono progetti Pnrr per circa mezzo miliardo.

L’impatto delle sole opere Pnrr regionali potrebbe determinare una crescita del prodotto interno lordo regionale del +1,1% all’anno dal 2024 al 2026, generando occupazione per circa 5.300 nuovi assunti all’anno, secondo uno studio AUR.

Nella Missione 1, “Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo,” spicca il progetto “1000 esperti,” una task force di 22 esperti esterni per supportare le amministrazioni pubbliche umbre. Opere come il restauro del patrimonio rurale e la rigenerazione urbana procedono senza criticità, garantendo l’aderenza ai tempi previsti.

La Missione 2, “Rivoluzione verde e transizione ecologica,” si concentra su investimenti nell’ammodernamento dei frantoi oleari, la flotta treni e autobus sostenibili. Il programma “Sicuro Verde Sociale” mira a migliorare l’efficienza energetica e la sicurezza sismica degli alloggi pubblici.

La Missione 3, “Infrastrutture per una Mobilità sostenibile,” include il potenziamento della Ferrovia Centrale Umbra. La Regione ha garantito 263 milioni su 318 necessari, con colloqui in corso per reperire i restanti 55 milioni.

La Missione 5, “Coesione e inclusione,” privilegia progetti come “Vivere l’Umbria” e “Alta Umbria 2030” per il recupero di beni pubblici e la rifunzionalizzazione di immobili.

Infine, la Missione 6, “Salute,” con progetti avviati prima di tutte le altre, è stata oggetto di una recente riunione pubblica tenuta dalla Presidente Tesei, dimostrando l’impegno costante della Regione nel garantire il benessere dei cittadini umbri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*