Omicidio Provenzano, chiesti due ergastoli e 120 anni di carcere [Foto]

 
Chiama o scrivi in redazione


Omicidio Provenzano, chiesti due ergastoli e 120 anni di carcere La procura della Repubblica di Perugia ha chiesto due ergastoli e 120 anni di carcere nei confronti di sei imputati, il cui processo si è svolto con il rito abbreviato, per l’omicidio del muratore calabrese, Roberto Provenzano, assolto con sentenza definitiva Gregorio Procopio, per il quale si è proceduto separatamente. Il muratore di Catanzaro fu ammazzato, con un colpo di rivoltella alla testa, la notte del 29 maggio 2005 a Ponte Felicino, all’interno della sua abitazione.

Nel corso degli anni, nel 2015, per l’esattezza la procura distrettuale Antimafia del capoluogo umbro grazie ai carabinieri dei Ros (operazione “SottoTraccia”), scoprirono un amplissimo traffico di sostanze stupefacenti.

LEGGI ANCHE: Droga, omicidio Provenzano, 20 indagati da parte dei carabinieri [VIDEO e FOTO DEGLI ARRESTATI]

In particolare era trattata cocaina che veniva comprata direttamente in Calabria per poi essere venduta a Perugia.  S.P. e V.B. sarebbero stati gli istigatori insieme a G.A. che, però, sarebbe stato la “gola profonda” nel raccontare il comportamento di Provenzano nell’ambito delle spaccio del potente alcaloide.

Regolamento di conti quindi nell’ambito del traffico di stupefacenti, è quanto sostiene l’accusa, pm Petrazzini Miliani, gup Valerio D’Andria. Si torna in aula il 20 settembre e prenderanno parola i legali degli imputati.


Servizio del 14 gennaio 2015 UmbriaJournal

– Sei arresti sono stati eseguiti dai Carabinieri del Ros Sono sei i provvedimenti di custodia cautelare in carcere eseguiti dai carabinieri del Ros nei confronti di coloro che sono ritenuti mandanti, organizzatori e autori dell”omicidio del muratore calabrese Roberto Provenzano ucciso a Perugia nella notte tra il 28 e il 29 maggio del 2005.

Si tratta di uno dei tronconi d”inchiesta delle operazioni, coordinate dalla procura distrettuale antimafia del capoluogo umbro, denominate Trolley e Sotto traccia. Indagini diverse e distinte tra di loro, ma collegate dal coinvolgimento in entrambe di alcuni degli indagati e dagli interessi illeciti legati narcotraffico. Venti i provvedimenti di custodia cautelare eseguiti nelle province di Catanzaro, Crotone, Perugia, Terni, Prato e Roma.

Perugia anche il comandante del Ros, generale Mario Parente, e il procuratore Antonella Duchini. Tutti gli indagati sono risultati collegati con la proiezione umbra della cosca ndranghetista dei Farao-Marincola, gia” colpita dai 61 arresti eseguiti il 10 dicembre scorso con l”operazione Quarto passo. In particolare per il troncone Sotto traccia sono state eseguite sei ordinanze di custodia cautelate in carcere per omicidio e detenzione e porto di armi da guerra in relazione all”omicidio di Provenzano, ucciso con un colpo di pistola alla testa mentre si trovava nella sua abitazione di Ponte Felcino.

Delitto che per gli inquirenti sarebbe scaturito da debiti contratti dalla vittima con l”organizzazione calabrese e per il quale ad oggi l”unico imputato era Gregorio Procopio, gia” assolto in primo e secondo grado e in attesa della Cassazione. Le indagini – e” stato riferito – sono state svolte attraverso la rivalutazione degli atti e delle intercettazioni relative ad una precedente operazione del Ros. “Grazie anche alle operazioni di filtraggio compiute dal Ris di Roma sulle fonie dell”epoca – ha spiegato il pm Duchini -, e” stato possibile individuare elementi di colpevolezza nei confronti dei sei arrestati”.

[divider] Associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, invece, l”accusa contestata nei 16 provvedimenti, 14 in carcere e due ai domiciliari, disposti nell”ambito del filone Trolley. Questo ha riguardato una presunta organizzazione criminale (secondo gli investigatori collegata al sodalizio disarticolato con l”operazione Quarto passo) risultata impegnata nella gestione di un narcotraffico sull”asse Calabria-Umbria e alla distribuzione di ingenti partite di cocaina nelle province di Perugia e di Terni. Tra sette e dieci i chili di cocaina per volta, trasportati in trolley dalla Calabria ogni 15 giorni, a bordo di autobus di linea e prelevati dai complici presso il capolinea del centro di Perugia.[divider] [divider] Tra i promotori dell”organizzazione – sempre in base all”indagine – anche due degli arrestati per l”omicidio Provenzano. La droga veniva poi distribuita in Umbria attraverso una rete di spacciatori. Secondo i militari l”organizzazione criminale e” collegata con il gruppo calabrese che nei primi anni 2000 gestiva il traffico e lo spaccio di droga a Perugia e che avrebbe determinato l”omicidio di Provenzano. Ritenuto “colpevole” di non avere rispettato gli accordi con il sodalizio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*