Movida in centro a Perugia, senza mascherine e rispetto del distanziamento

 
Chiama o scrivi in redazione


Movida in centro a Perugia, senza mascherine e rispetto del distanziamento

Gruppi senza mascherine! Nonostante le raccomandazioni, il nuovo Dpcm e l’ordinanza della presidente della regione Donatella Tesei, si assistono a certe scene in centro storico a Perugia da far rabbrividire. I negazionisti, quelli che vanno in giro senza mascherina, il bullo che indossa i pantaloni con il cavallo basso e che cammina con l’aria del so tutto io. In una mano il boccale di birra, nell’altra la sigaretta, nessuna mascherina, e attorno a lui altri bulli simili, nessun distanziamento e il contagio vola, magari non tra loro, ma nelle loro famiglie sì.

E’ quanto si assiste in questi giorni nel fine settimana, soprattutto il sabato pomeriggio/sera, prima del lockdown delle ore 22 imposto dal governo per fermare i contagi da coronavirus e cercare di evitare effetti catastrofici. Ma questa gente sembra non capire: sono per lo più giovani e giovanissimi.

Sono stati numerosi gli assembramenti in più parti di corso Vannucci. Due sono stati identificati dalla polizia. Sul posto anche il sindaco, Andrea Romizi, e l’assessore alla sicurezza, Luca Merli.

Alcuni gruppi si sono dispersi e poi ritrovati in altre zone del centro, altri sono stati visti al Pincetto mente ballavano e bevevano e chi suonava sulle scalette del duomo. Venerdì è stato multato un locale perché aveva permesso la presenza allo stesso tavolo di 14 clienti non facenti parte dello stesso nucleo familiare.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*