Teatro Morlacchi, Monica Guerritore aprirà stagione 2021-2022, tutti i nomi 📸🔴 FOTO E VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione



Teatro Morlacchi, Monica Guerritore aprirà stagione 2021-2022, tutti i nomi

di Marcello Migliosi e Morena Zingales
Ventuno spettacoli! Da settembre 2021 ad aprile 2022, covid permettendo. E’ il ricchissimo cartellone del Teatro Morlacchi del Teatro Stabile dell’Umbria, presentato lunedì sera a Solomeo dal presidente Brunello Cucinelli e dal direttore artistico Nino Marino.

La location il ristorante aziendale di Cucinelli che ha ospitato giornalisti e ospiti. “E’ stata una stagione per ritrovare il piacere di tornare a teatro. Dopo Guerra e Pace abbiamo pensato una stagione con grandi protagonisti”. A dirlo è il direttore artistico Nino Marino durante la conferenza stampa di presentazione della stagione di prosa 2021-22.

La stagione si aprirà il 13 settembre con Monica Guerritore in “Dall’Inferno all’infinito” dedicato a Dante Alighieri con la compagnia Orsini. Due spettacoli in prima serata, anche il 14 settembre.

Cinque giorni ad ottobre con L’anima buona di Sezuan di Bertolt Brecht diretto e interpretato a Monica Guerritore: Best Live, fondazione Teatro della Toscana. Sempre a ottobre altri tre giorni con Il caso della famiglia Coleman, testo e regia di Claudio Tolcachir. Ottobre si concluderà con La tragedia è finita, Platonov, di Liv Ferracchiati, una produzione del Teatro Stabile dell’Umbria, dal 27 al 31 ottobre.

Cinque sono le produzioni del Teatro Stabile dell’Umbria e Nino Marino è molto orgoglioso: “Ne parlo come un fiore all’occhiello – dice Marino –, perché sono degli spettacoli che gireranno tutta l’Italia, da Roma a Milano”.



Novembre ospiterà dal 3 al 7 Promenade de Santè, la Città Morta dal 10 al 12, il 18 novembre con Folk-s will you still love me tomorrow? Il 21 novembre ci sarà uno spazio per la danza con Moving with Pina di e con Cristina Morganti. Dal 24 al 28 novembre la Signorina Giulia, altra produzione del TSU che ha aperto il Festival dei Due Mondi Spoleto.

Il mese di dicembre con Fronte del porto dal 10 al 12 e dal 14 al 19 Raffaello il figlio del vento, del TSU con Doc servizi. Il 2021 si concluderà con la danza del giovedì il 29 e 30 in scena Graces.



Si ritorna al teatro dopo la pausa natalizia con Mine vaganti dal 12 al 16 gennaio 2021 e il 20 gennaio ancora spazio alla danza con Ara! Ara!

Se questo è un uomo andrà in scena dal 26 al 27 gennaio. Due spettacoli a febbraio: la danza del giovedì con La natura delle cose e dal 15 al 20 febbraio altra produzione del TSU Chi ha paura di Virginia Woolf? per la regia di Antonio Latella.

Tre gli spettacoli di marzo: dal 9 a 13 Don Chisciotte, dal 26 al 27 marzo Anelante e il 17 Toccare_the white Dance, una danza del giovedì. La stagione si chiuderà con il Ballo della Compagnia Mora, il 7 aprile con Verso la specie.

“Io vi aspetto al teatro – conclude il direttore artistico – perché questo è l’anno della ripartenza, tutti dobbiamo fare la nostra parte, andando al teatro perché gli attori e gli artisti a causa della pandemia hanno sofferto tanto e insieme forse ritroveremo il gusto di godere dell’offerta culturale che in Umbria è alta”.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*