Orso II Orsini, conte di Pitigliano, feroce e crudele uxoricida, morì per un colpo di spada

Orso II Orsini, conte di Pitigliano, feroce e crudele uxoricida, morì per un colpo di spada

Orso II Orsini, conte di Pitigliano, feroce e crudele uxoricida, morì per un colpo di spada

elio clero bertoldi

da Elio Clero Bertoldi 
Lei, Eleonora degli Atti, viene descritta come una donna bellissima appartenente ad una antica e aristocratica famiglia che primeggiava in Todi; lui, Orso II Orsini, conte di Pitigliano, figlio di Giovan Francesco apparteneva ad un casato di primissimo piano di parte Guelfa, linea di Monterotondo-Pitigliano, che aveva dato tre pontefici e ben trentaquattro cardinali. Giovan Francesco, che aveva ricevuto anche il collare di cavaliere di San Michele (ordine del Re di Francia), si era fatto un nome di condottiero di coraggio anche se non particolarmente esperto di strategia militare.

Non aveva saputo imporsi più di tanto neanche con i figli che tentavano, ciascuno per proprio conto, di spodestarlo. Persino gli abitanti di Sorano e Pitigliano, sobillati dal figlio Nicola, gli si erano ribellati e gli avevano ucciso, tra gli altri, nel corso della sommossa anche la moglie Ersilia Gaetani, mettendo a sacco pure il suo palazzo. Le parentele, invece, erano giuste. Tra i suoi cognati Gian Giacomo dei Medici di Firenze (maritato a sua sorella Marzia) e il duca Pier Luigi Farnese (di cui era stato uno dei capitani durante la “guerra del sale” di Perugia, sposato all’altra sorella, Geronima).

Orso II, nato nel 1527 ed Eleonora si erano sposati con lussuosa pompa come si addiceva a rampolli di due illustri e ricche schiatte, in pieno Rinascimento.

Eleonora aveva seguito il marito a Pitigliano, ma si divideva anche fra il palazzo dei suoi in Todi ed il castello avito di Sismano, maniero medievale del territorio tuderte, rafforzato da due torri semicircolari, che era stato possedimento dei Caetani (prima di diventare Papa, col nome di Bonifacio VIII, Benedetto Caetani aveva vissuto a Todi di cui suo zio era vescovo ed aveva avuto modo di incontrare, e scontrarsi, con Jacopone da Todi).

D’altronde Orso si era dato, come il padre ed il fratello, al mestiere delle armi ed era spesso assente. Aveva militato con l’esercito della chiesa contro i francesi nella “Guerra di Parma” (1551) e un lustro più tardi, sempre sotto i vessilli pontifici, aveva affrontato gli Imperiali. Uomo rissoso e rozzo nei modi si contendeva con Nicola, altrettanto feroce e dissoluto, la contea di Pitigliano, con ogni mezzo (anche con ricorrenti congiure), da una parte e dall’altra. Godeva dell’appoggio dei Medici (Cosimo lo aveva addirittura creato cavaliere di Santo Stefano nel 1563), mentre Nicola si appoggiava all’imperatore. Gli scontri tra le fazioni non si contavano, in particolare per il possesso della villa di Montevitozzo.

Orso non solo aveva fatto arrestare un gran numero di oppositori, ma aveva ordinato di uccidere i principali fautori delle rivendicazioni del fratello. In una circostanza, dal canto suo, Nicola aveva pagato un soldato per avvelenare Orso. L’assoldato, però, aveva rivelato il piano alla vittima designata, che era passata al contrattacco: aveva lasciato entrare, sguarnendo apparentemente le guardie, quaranta congiurati nel maniero e, con una mina, ne aveva fatti saltare in aria 35. Alla morte, nel 1567, del padre, tumulato con ogni onore nel Duomo di Orvieto, la situazione divenne, se possibile, ancora più critica tra i due fratelli. Fino ad arrivare, nell’aprile del 1573, all’omicidio, mandante Orso, di Galeazzo Farnese, alleato di Nicola. Sembrò che la vicenda dovesse precipitare in una piega sanguinosa, magari con lo scoppio di una guerra. Ma Cosimo de’ Medici, con le sue riconosciute doti di mediatore, riuscì a trovare il modo di pacificare le parti.

Non trascorsero due anni ed Orso si macchiò di un altro orrendo, odioso e sanguinoso crimine. Questa volta in prima persona, senza ricorrere a sicari, ma con le proprie mani.

Manda alla moglie Eleonora un messaggio col quale le chiede – lei si trovava a Sismano di Todi (o secondo altre fonti a Morlupo, vicino Roma) – di raggiungerla a Pitigliano. Lei si affretta, da fedele e onesta consorte, ignara del destino che l’attende. Il marito l’aspetta sul ponte Strozzone, alle porte della capitale della contea, Pitigliano. Invece di coprirla di baci, la massacra di pugnalate. Così tante da sfigurarla. Il feroce uxoricidio solleva la città ed il contado, sempre poco propensi al dispotico ed esoso dominio degli Orsini.

Il conte, in difficoltà, tenta di motivare il suo gesto come un delitto d’onore: il tradimento, non meglio specificato, della consorte.

Nessuno gli crede e l’insurrezione monta. Orso, allora, cerca di giustificarsi spostandosi a Firenze, dove nel frattempo Francesco ha ereditato il ducato da Cosimo (di cui il conte di Pitigliano risulta vassallo dal 1555). Ma l’Orsini non viene neppure ricevuto a corte, tanto é il raccapriccio che l’odioso delitto ha suscitato in tutta la Toscana e fuori.

Leggi anche – Il Papa che portò guerra per il sale a Perugia Paolo III un pontefice di polso

Il suo momento, in effetti, sta passando. Finisce del tutto e nel sangue nel marzo dell’anno dopo. Ancora su un ponte, stavolta quello di Rubaconte, sempre nel territorio della contea. Il destino si presenta nelle sembianze di Prospero Colonna, uno dei leader del partito ghibellino (omonimo del ben più famoso ed eroico parente, deceduto qualche decennio prima), alleato di Nicola e soprattutto amico personale di Galeazzo Farnese. É la sua spada che tronca la vita violenta di Orso II Orsini. La nemesi é consumata.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*