Terni sotto caldo rovente: emergenza climatica e sfide per futuro

Le Conseguenze dell'Inazione e le Proposte per un Futuro Sostenibile

Terni sotto caldo rovente: emergenza climatica e sfide per futuro

Terni sotto caldo rovente: emergenza climatica e sfide per futuro

Terni sotto caldo rovente – Nella città di Terni, il paesaggio urbano è in continua evoluzione, ma non sempre in direzione positiva. Una serie di progetti architettonici, dalle Fioriere sui pali della luce alle statue giganti, sembrano adornare le strade, ma si pongono interrogativi sul loro vero scopo. Sembra che tali iniziative servano solo a distrarre l’attenzione dalla mancanza di azioni concrete per affrontare le sfide ambientali e sociali che la città sta affrontando.

Il clima continentale di Terni, che si sta facendo sempre più rovente con il passare degli anni, è emblematico dei cambiamenti climatici in corso. Invece di prendere misure per mitigare il calore, come la piantumazione di alberi, si assiste paradossalmente alla loro continua scomparsa, in aperto contrasto con le direttive europee sulla potatura durante il periodo di nidificazione.

Il taglio indiscriminato degli alberi, come avvenuto nella Pineta Centurini e in varie vie della città, non solo impoverisce il paesaggio, ma priva anche Terni di uno dei suoi migliori alleati contro il calore estivo: l’ombra degli alberi ad alto fusto. È necessario aprire gli occhi su questa crisi ambientale che sta avvolgendo la città, come ha sottolineato il pianista Remo Anzovino durante un concerto al Gazzoli, evidenziando il caldo anomalo anche nei mesi primaverili.

L’attenzione dei media nazionali e l’inclusione di Terni nell’indice del clima del Sole 24 Ore come una delle città con la più alta frequenza di ondate di calore, mettono ulteriormente in luce l’urgenza di intervenire. Tuttavia, le risposte finora fornite dalle istituzioni locali sembrano essere solo palliative, come dimostra l’installazione di pannellature verdi nel centro città.

La radice del problema va oltre la semplice decorazione urbana: il consumo di suolo, l’espansione delle aree asfaltate e cementificate e il traffico veicolare contribuiscono all’innalzamento delle temperature e all’impoverimento delle risorse idriche. Senza una transizione energetica e sociale, Terni rischia di affrontare conseguenze sempre più gravi.

Per invertire questa tendenza, sono necessarie azioni decise e mirate:

  • Riforestazione Urbana: Recupero di aree pubbliche degradate per incrementare le zone verdi e un piano energetico basato sulle fonti rinnovabili.
  • Mobilità Sostenibile: Promozione del trasporto pubblico locale e politiche per ridurre l’uso delle auto private, inclusa la reintroduzione della Ztl e politiche tariffarie adeguate.
  • Ambiente e Rifiuti: Chiusura degli inceneritori, potenziamento della raccolta differenziata e promozione dell’economia circolare.
  • Protezione degli Anziani: Assistenza domiciliare per la popolazione anziana durante le ondate di calore, con supporto per le famiglie.

L’inazione del Comune di Terni di fronte a questa emergenza climatica e sociale è preoccupante. È indispensabile agire con urgenza e determinazione per garantire un futuro sostenibile per la città e le generazioni future.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*