Arpa Umbria e Regione inaugurano la Scuola di Alta Formazione Ambientale

 
Chiama o scrivi in redazione


Arpa Umbria e Regione inaugurano la Scuola di Alta Formazione Ambientale

Il Direttore Generale di Arpa, Proietti, presenta la SAFA e avvia il primo corso. Soddisfazione della Presidente Tesei e dell’Assessore Morroni

Di Rossano Pastura

“Con l’avvio del corso “Le novità nella gestione dei rifiuti”, oggi pomeriggio inauguriamo l’attività della Scuola di Alta Formazione Ambientale, che rappresenterà un punto di riferimento a livello nazionale” è quanto ha dichiarato il Direttore Generale di Arpa Umbria, Luca Proietti, nel corso della conferenza stampa di questa mattina.

“La SAFA sarà infatti la prima Scuola ad essere istituita nel panorama delle Agenzia Regionali che fanno parte del Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale, e avrà il compito di formare professionisti e tecnici altamente qualificati, competenti, specializzati e adattabili alle sfide che il tema ambientale ci pone di fronte ogni giorno” ha aggiunto Proietti.

“La Scuola – ha sottolineato Proietti – dovrà avere la capacità di modellare le proprie attività sulla base delle sollecitazioni che arriveranno dai vari stakeholder del dominio ambientale. Per far ciò sarà fondamentale il ruolo del Comitato Tecnico-scientifico, che avrà il compito di formulare, ogni anno, le linee di indirizzo dell’offerta formativa”

“Questo organo interno alla Scuola, sarà uno degli elementi qualificanti dell’organizzazione e sarà costituito da personalità di rilievo nazionale, attive nel campo dell’ambiente, della cultura e della formazione” ha specificato il Direttore Generale.

Alla conferenza stampa hanno preso parte la Presidente della Giunta Regionale, Donatella Tesei e l’assessore all’Ambiente della Regione Umbria, Roberto Morroni.

La Presidente Tesei ha espresso “soddisfazione per la tempestività con cui Arpa ha avviato le attività della Scuola istituita con la legge approvata a luglio, un esempio di efficienza e di collaborazione fra rappresentanti delle Istituzioni politiche e strutture tecniche”.

“Con la creazione della Scuola di Alta Formazione Ambientale -ha aggiunto la Presidente- l’Umbria acquisisce un ruolo strategico nel panorama nazionale nel campo della formazione e della consapevolezza delle tematiche ambientali verso cui l’amministrazione regionale pone la massima attenzione”.

Il ruolo rinnovato di Arpa, che diviene sempre più un soggetto proattivo per i compiti assegnati all’Agenzia – ha voluto sottolineare l’Assessore Roberto Morroni – rappresenta un punto di eccellenza per la nostra regione nel campo delle politiche ambientali“.

“Associandomi alle congratulazioni della Presidente, mi piace porre l’attenzione in particolare su due temi toccati oggi: la  scelta di affrontare le tematiche ambientali anche dal punto di vista culturale, promuovendo la sensibilità verso temi legati all’ambiente e il tema scelto per il primo corso della Scuola, quello dei rifiuti”.

“Un segnale eloquente quello di iniziare l’attività della Scuola con un corso sui rifiuti, che pone l’attenzione su un tema centrale nell’azione politica dell’Amministrazione regionale” –ha concluso Morroni ricordando che “nella scorsa estate è stato istituito il Comitato Tecnico Scientifico, di cui Arpa fa parte, che dovrà fornire supporto in vista dell’aggiornamento del Piano Regionale dei Rifiuti”.

La SAFA è stata istituita con la Legge Regionale 16 luglio 2020, n.7 “Ulteriori modificazioni ed integrazioni della Legge Regionale 6 marzo 1998, n. 9 (Norma sulla istituzione e disciplina dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale -ARPA)”.

Nell’articolato normativo che integra e aggiorna le funzioni e il ruolo di Arpa, è stato inserito un apposito articolo, l’11bis, che istituisce la Scuola di Alta Formazione Ambientale, “come articolazione interna dell’Agenzia, con lo scopo di progettare e realizzare iniziative formative coordinate sul tema dell’ambiente sotto il profilo tecnico, scientifico e giuridico”.

La legge prevede poi che la Scuola di Alta Formazione Ambientale abbia sede a Terni presso il Dipartimento territoriale.

Ritengo doveroso ringraziare i membri dell’Assemblea Legislativa dell’Umbria, oggi rappresentati dalla Presidente Tesei e dall’Assessore Morroni, che hanno dimostrato sensibilità e attenzione verso il tema ambientale, approvando in pochissimo tempo questa legge che ha ridefinito i compiti dell’Agenzia e ne ha ampliato le competenze con l’istituzione della SAFA”.

“La finalità della Scuola non è solo quella di dedicare momenti formativi verso tutti gli operatori del dominio ambiente -ha spiegato Luca Proietti- ma vuole essere un contenitore culturale che miri a formare i cittadini del presente e del futuro, permettendo loro di acquisire una coscienza e una conoscenza di tutto quello che riguarda la sostenibilità ambientale. Per questo verranno messi a sistema, oltre alle sedi di Terni e Perugia, la Biblioteca di Arpa a Terni, Villa Montesca di Città di Castello, l’Isola Polvese, la Biblioteca di S. Matteo degli Armeni a Perugia e la Biblioteca Archivio Paolo Maffei di Foligno”.

Le attività della SAFA saranno disciplinate da un apposito regolamento che prevede il supporto di un comitato tecnico-scientifico, che dovrà fornire le linee di indirizzo per la formazione del Catalogo dei Corsi.

Entro la prima metà del mese di gennaio 2021” ha concluso Proietti, “verrà definito il piano dell’offerta formativa della Scuola, attraverso il Catalogo, che consentirà a tutti gli interessati di poter scegliere tra un ventaglio di possibilità, il corso e le materie di proprio interesse”.

Per maggiori informazioni sul corso: https://www.arpa.umbria.it/articoli/corso-safa

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*